Amazon GameOn: arriva il Twitch per i giocatori su smartphone

Amazon GameOn è realtà. Se Twitch è a tutti gli effetti una realtà di Amazon, con GameOn l’azienda di Jeff Bezos punta a creare un’alternativa alla piattaforma viola pensata solo per i giocatori su mobile. 

Arriva l’alternativa a Twitch per i giocatori su smartphone. Amazon ha rilasciato in tutto il mondo ufficialmente il suo GameOn, un servizio che permette ai giocatori di creare e condividere mini clip di gioco.

Parliamo di brevi video dai 30 secondi ai 5 minuti di registrazione, con la possibilità di aggiungere le riprese della fotocamera frontale dello smartphone per impacchettare un gameplay vero e proprio. Oltre all’aggiunta della facecam, utile per migliorare l’approccio tra la community ed il creator, l’app permetterà a chi vorrà di aggiungere piccole azioni di video editing al suo montaggio.

POTREBBE INTERESSARTI –> Deathloop, annunciata la data d’uscita per lo sparatutto Ps5 e Pc

Amazon GameOn punta tutto sui giocatori mobile con 1000 giochi compatibili

Ecco quindi cos’è Amazon GameOn, che punta tutto sui giocatori mobile non in grado di permettersi una gaming station necessaria per fare streaming ed editare video gameplay. Al momento, secondo quanto dice Amazon, il suo servizio è compatibile con ben 1000 giochi su mobile presenti nel Play Store Android. Tra i più annoverati possiamo citare Angry Birds 2, PUBG Mobile, Among UsFinal Fantasy Brave Exvius. Una lista che sicuramente è destinata ad aumentare nel tempo.

Interessanti anche le collaborazioni che potrebbero nascere tra gli sviluppatori di videogiochi ed Amazon. Come confermato dall’azienda gli utenti saranno chiamati a portare a termine sfide settimanali per ricevere loot e contenuti speciali per i videogiochi coinvolti. Proprio in queste ore è attiva una sfida che vede protagonista PUBG, nella quale i giocatori dovranno creare una clip in cui vincono in match nell’area di gioco dedicata. Ovviamente il vincitore sarà anche quello che otterrà più voti dagli spettatori.

Ad oggi il servizio è stato rilasciato in una fase iniziale solo negli Stati Uniti, ma probabilmente non tarderà ad arrivare anche in Italia, dove siamo sicuri che molti creator ed aspiranti tali lo vorranno provare.

POTREBBE INTERESSARTI –> PS5 e Xbox Series X: alcune console sono rotte