Bisfenolo s, allarme dalla Sicurezza Alimentare: plastica pericolosa

L’ANSES, l’Agenzia per la Sicurezza Alimentare Francese, ha di recente diffuso un rapporto secondo cui il bisfenolo s sarebbe pericoloso tanto quanto il progenitore il bisfenolo A, già bandito all’interno dell’Unione Europea.

Bisfenolo s, arriva l'allarme da parte dell'Agenzia per la Sicurezza Alimentare Francese
Bisfenolo s, arriva l’allarme da parte dell’Agenzia per la Sicurezza Alimentare Francese (foto: pixabay)

Il bisfenolo s è al centro dell’ultimo rapporto stilato dall’Agenzia per la Sicurezza Alimentare Francese. Dai dati emerge che il bps sarebbe dannoso al sistema endocrino tanto quanto il bpa, e che potrebbe anzi essere anche più dannoso per il sistema endocrino.

Leggi anche –> Film candidati agli Oscar 2021, dove vederli in streaming: la guida

Bisfenolo s e bisfenolo a: i possibili danni al sistema endocrino

Bisfenolo s, arriva l'allarme da parte dell'Agenzia per la Sicurezza Alimentare Francese
Bisfenolo s, arriva l’allarme da parte dell’Agenzia per la Sicurezza Alimentare Francese (foto: pixabay)

Il bisfenolo a è da tempo bandito nell’Unione Europea. Questa materia plastica ha però circolato per lungo tempo, essendo stata utilizzata nella realizzazione di contenitori di plastica in qualunque campo, compreso il campo dei prodotti alimentari.

A partire dagli Anni ’60, infatti, il bisfenolo a è stato aggiunto alle miscele di plastiche da imballaggio e da confezionamento per le sue doti di resistenza e malleabilità. Ma si tratta in realtà di una sostanza molto dannosa che provoca danni al sistema endocrino in particolare durante lo sviluppo fetale e nella prima infanzia.

Molti produttori in Europa ma anche nel mondo avevano quindi iniziata a sostituire il bpa con il bps. Ma L’ANSES ha però scoperto che il bps sarebbe addirittura più pericoloso del bpa nell’aumentare la quantità di estrogeni circolanti nell’organismo. Secondo i dati, quindi, riportati dall’Agenzia per la Sicurezza Alimentare Francese ci sarebbero gli estremi per far rientrare il bps tra le sostanze considerate estremamente preoccupanti.

Leggi anche –> PS5 disponibile oggi alle 15:30 su GameStop: 3 offerte

Anche perché, mentre nell’Unione Europea tutte le declinazioni del bisfenolo sono tenute sotto controllo, nel resto del mondo, e in particolare negli Stati Uniti e in Cina, il bps sta sostituendo in massa il bpa nelle plastiche comprese le confezioni alimentari. Si potrebbe allora utilizzare la definizione data dal Regolamento Reach del 2007 per classificare, appunto, il bps come sostanza estremamente preoccupante o svhc, facendolo rientrare tra gli interferenti endocrini.

Se questo principio passasse, i prodotti fabbricati con bps dovrebbero essere accompagnati da una certificazione, quando la concentrazione di questa sostanza supera lo 0,1%.

LINK UTILI

Bisfenolo s, arriva l'allarme da parte dell'Agenzia per la Sicurezza Alimentare Francese
Playstation (foto: youtube)