Gaming mobile, Google Play registra un netto calo

Era il migliore dei giorni era il peggiore dei giorni, per fare una citazione che a nostro avviso spiega bene la situazione un po’ paradossale in cui si trova il comparto del gaming mobile e in particolare le performance recenti di Android e del Google Play Store.

Nonstante infatti siamo entrati ufficialmente in un’era in cui il gaming su smartphone non è più solo una questione di palline che scoppiano e match 3, stando ai numeri raccolti e analizzati ai colleghi di SafeBettingSites.com, c’è qualcosa che non torna dentro Google.

Gaming mobile, Google Play registra un netto calo
Gaming mobile, Google Play registra un netto calo (foto: Pexels)

Il colosso americano che è il principale competitor di Apple e del suo App Store non sta crescendo più come una volta ed è proprio l’App Store invece a registrare un aumento nel totale di dollari spesi al suo interno. Non che in generale le performance, neanche quelle di Apple, siano stratosferiche e anzi si nota una quantomai marcata stagnazione ma sono proprio i numeri piuttosto insignificanti prodotti da Google nel compato del gaming mobile a trainare tutte le percentuali al ribasso.

Gaming mobile, Google fa un paio di netti passi indietro

Questo 2022 continua a essere un anno complesso da analizzare. Stiamo uscendo, si spera, da due anni orribili di pandemia in cui i consumi, le abitudini, il nostro stesso modo di percepire la realtà e i rapporti con gli altri sono stati sottoposti a una centrifuga violenta. Nel marasma di incertezze qualcosa però ha dimostrato di tenerci ancorati alla realtà: la tecnologia.

Gaming mobile, Google Play registra un netto calo
Gaming mobile, Google Play registra un netto calo (foto: Pexels)

E infatti nel 2021 Google e il suo Play Store avevano registrato una crescita in termini di milioni di dollari spesi per le app offerte che aveva portato a un +30% rispetto al 2020 superando ampiamente la crescita di Apple e del suo App Store fermatasi a un +22.1%. E ora che la spinta della pandemia si è affievolita, anche le performance devono necessariamente scendere. Gli utenti Google hanno speso, nel corso dei primi sei mesi di quest’anno, 21.3 miliardi di dollari contro i 23 miliardi spesi nello stesso periodo del 2021. Di contro, anche se pure i numeri dell’App Store non sono fuochi d’artificio, si è notato un aumento pari a 5.6% rispetto al 2021 con una spesa totale pari a 43.7 miliardi di dollari.

In pratica, i due terzi quasi dei soldi che gli utenti mobile quindi anche di chi acquista nei prodotti del settore gaming sono andati ad Apple, complice forse anche l’uscita dei nuovi iPhone 13 dopo la crisi dei semiconduttori che ha ritardato e rimescolato le carte per la società della Mela.