Gearbox Studios entra nel gruppo Embracer Group

Gearbox Studios, casa di Borderlands, entra nel gruppo Embracer e va a fare bella compagnia a THQ Nordic e Koch Media.

Non è la prima volta che Embracer Group acquisisce un developer-publisher e Gearbox Studios è, in realtà, la settima società legata ai videogiochi ad entrare nel gruppo. L’acquisizione dovrebbe portare a una espansione delle attività di Gearbox.

Leggi anche –> Sonic Prime annunciata ufficialmente da Netflix: la serie animata

Gearbox Studios: l’accordo con Embracer Group

Borderlands: il capolavoro Gearbox (fonte: Youtube)

Ancora non abbiamo tutti i dettagli, ma sappiamo comunque che si parla di un accordo da 363 milioni di dollari, metà cash e metà in azioni Embracer, con un altro miliardo per Gearbox, diviso di nuovo tra cash e azioni, se l’azienda “riuscirà a centrare gli obiettivi economici e operativi stabiliti per i prossimi sei anni“.

La dichiarazione di Randy Pitchford, storico boss di Gearbox, sprizza contentezza da tutti i caratteri. Probabilmente la contentezza è in parte dovuta al fatto che Pitchford continuerà a essere a capo di Gearbox anche dopo l’acquisizione. “(La strategia di Lars Wingefors, CEO di Embracer) è la strategia più brillante nel breve, medio e lungo periodo che io abbia mai visto nei miei 30 anni nell’industry.”

Leggi anche –> Pokémon Spada e Scudo terzo gioco più venduto di sempre della saga

L’acquisizione è, per Gearbox, un’occasione per continuare a lavorare dato che, sempre secondo Pitchford, “Noi di Gearbox abbiamo appena cominciato e questa transazione non è solo uno stimolo (…) ma carburante per il futuro entusiasmante che abbiamo pianificato.”