iPhone: la sua evoluzione lascia tutti senza parole, cos’è cambiato in 16 anni?

Una data diversa dalle altre. Una data per certi versi storica. Una data dopo la quale il mondo della telefonia non è stato più lo stesso. Amati ma anche odiati, desiderati e criticati, gli iPhone da sedici anni a questa parte hanno caratterizzato uno status symbol tutt’ora, più che mai, in essere.

iPhone 5 - Videogiochi.com 20230110
iPhone 5 – Videogiochi.com

Esattamente 16 anni fa, quel genio assoluto di Steve Jobs saliva sul palco del MacWorld Expo per miracol mostrare: aveva in mano un nuovissimo prodotto che combinava l’iPod abilitato al touch, un telefono cellulare rivoluzionario e un rivoluzionario comunicatore Internet, così per ricordare colui che da lassù sta continuando a un’era grazie al suo braccio destro, Tim Cook.

Con la nascita dell’iPhone, Apple da deciso di scrivere semplicemente la storia, rivoluzionandola. Addio iPod, quel lettore musicale a suo modo storico ma l’ultimo dei quali è finito lo scorso anno. Dall’iPod si è passati all’iPhone, semplicemente il dispositivo più importante per il colosso di Cupertino. Per distacco. Uno smartphone diverso dagli altri, capace di generare un utile netto di 42 miliardi, più del Mac, dell’iPad e di altri dispositivi indossabili messi insieme.

Il cuore pulsante di un intero ecosistema

L’iPhone in questi sedici anni è diventato il cuore pulsante di un intero ecosistema griffato dalla mela morsicata più importante al mondo. Un ecosistema accresciuto da accessori, gadget e indossabili, chiamateli un po’ come volete, prodotti da miliardi di dollari ogni trimestre. Ma l’iPhone ha fatto sempre storia a sé. Per inciso, l’iPad stesso è una derivazione del Melafonino, e stiamo parlando del tablet numero uno al mondo. Non solo, l’esperienza maturata da Apple nello sviluppo di chipset per iPhone e iPad ha portato al fatto che ha smesso di utilizzare i prodotti Intel e ha cambiato laptop e molte workstation Mac con chip basati su Arm. Tutto merito, di fatto, dell’iPhone.

iPhone 15 Ultra - Videogiochi.com 20230110
iPhone 15 Ultra – Videogiochi.com

Non c’è dubbio che il fiore all’occhiello di Apple sia diventato in questi sedici anni uno dei dispositivi più influenti al mondo, una sorta di apripista, un modello da imitare e con cui confrontarsi, da parte di qualsiasi competitor.

Il primo iPhone non è mai arrivato in Italia: era un 2G con un display da 3,5 pollici considerato da Steve Jobs la dimensione perfetta per questo tipo di dispositivo descritto. La fotocamera singola da 2 pixel ora fa sorridere, ma per l’epoca era qualcosa di grande: ampi bordi sopra lo schermo, un tasto home nella parte inferiore. Ora tutto è cambiato, soprattutto con gli iPhone 13 e 14, ma la magie del Melafonino è sempre la stessa, a immagine e somiglianza del suo papà, l’unico e inimitabile Steve Jobs.