Ecco Menyr, il sogno di chi ama giocare a D&D – VIDEO

Menyr è un videogioco che in realtà non è un videogioco ma il sogno di chi ama Dungeons & Dragons e ha difficoltà a trovare altri compagni di campagna oppure vuole provare a giocare in un mondo creato a propria immagine e somiglianza.

Dietro questo progetto che è stato lanciato su Kickstarter all’inizio del mese di settembre e che ha praticamente circumnavigato più di qualche volta il proprio obiettivo di finanziamento c’è una società che potreste non aver mai sentito ma avete sicuramente sperimentato il loro lavoro.

Ecco Menyr, il sogno di chi ama giocare a D&D - VIDEO
Ecco Menyr, il sogno di chi ama giocare a D&D – VIDEO (foto: NOG)

A sviluppare Menyr è infatti NOG, un piccolo studio di sviluppo che ha collaborato con Ubisoft ed Electronic Arts e che ha una grande esperienza con Unreal Engine. Menyr non è però frutto di nessuna collaborazione ed è in assoluto il loro primo prodotto indipendente. Un prodotto innovativo e molto interessante.

Menyr, il world building non è mai stato così bello

Quello che il progetto portato avanti da NOG permette di fare è creare da zero un mondo di gioco che può essere anche enorme e raggiungere le dimensioni di oltre 1500 metri quadrati. Questo mondo di gioco può essere creato autonomamente andando ad utilizzare i diversi pennelli messi a disposizione oppure in un modo del tutto casuale attraverso la generazione procedurale.

Ecco Menyr, il sogno di chi ama giocare a D&D - VIDEO
Ecco Menyr, il sogno di chi ama giocare a D&D – VIDEO (foto: Youtube)

Una volta creato l’ambiente naturale di gioco si passa alle costruzioni e anche qui è possibile utilizzare quello che offre il motore che sostiene Menyr oppure utilizzare gli elementi e costruire ciò che più è congeniale al gioco che poi si vuole portare avanti. Perché quello che rende il prodotto di NOG davvero unico è il fatto che oltre a creare il mondo di gioco è poi possibile inserire le proprie regole, i modelli in 3D di personaggi e oggetti e poi cominciare a giocare sia online sia localmente.

Non c’è ovviamente la sensazione della carta e della mappa che si ha durante una partita a Dungeons&Dragons ma è sicuramente un buon modo per progettare la prossima campagna e giocare anche a distanza. Si tratta poi di uno strumento che NOG ha deciso di mettere a disposizione di tutti in maniera gratuita, contando sul Marketplace abbinato e in cui è possibile vendere e acquistare modelli di tutti i tipi. Il modello di business di NOG comprende semplicemente una percentuale sulle vendite dei modelli del Marketplace. L’uscita ufficiale del gioco è prevista per la fine dell’anno prossimo e sarà disponibile su PC e, successivamente, su Mac e anche per i visori di realtà virtuale.