ps4 pro

Sony dopo gli attacchi a PS4 Pro: la Microsoft "nuova e diversa è durata poco"

Andrew House, presidente di SIE, ha commentato gli attacchi di Microsoft a Sony dopo la presentazione del 7 settembre di PS4 Pro.

In un'intervista concessa a Digital Spy, House ha dichiarato senza mezzi termini di trovare "abbastanza intrigante" la nuova svolta nella comunicazione del colosso di Redmond, "dato che abbiamo visto un anno di notizie riguardo ad una 'nuova e diversa Microsoft' per quanto riguarda la loro attitudine verso la competizione".

"È durata poco, vero?".

Una dichiarazione di certo poco conciliante nei confronti del diretto competitor, Microsoft, che negli ultimi giorni ha precisato più volte che Project Scorpio sarà più potente di PS4 Pro e porterà il vero 4K nelle case dei videogiocatori.

Una linea aggressiva, che anche noi abbiamo sottolineato in più circostanze, che di certo fa a pugni col basso profilo voluto da Phil Spencer dai tempi del suo insediamento al posto di Don Mattrick come boss di Xbox.

L'approccio di Microsoft all'annuncio di PS4 Pro è stato piuttosto aggressivo, dicevamo, come hanno testimoniato i tanti interventi degli uomini del colosso di Redmond a proposito dell'aggiornamento hardware voluto da Sony.

Allo stesso modo, la notizia che Bethesda avrebbe smesso di lavorare alle mod su Fallout 4 e Skyrim: Special Edition per PS4 è stata sfruttata in modo molto schietto dalla comunicazione di Microsoft.

Qualcosa a cui non eravamo abituati più da quando Phil Spencer è alla guida della divisione Xbox, che si era distinta per il grande fair play e il profilo sempre basso.

Qualcuno l'ha fatto notare a Spencer su Twitter, e lui ha precisato che "ho detto in pubblico che non mi piace il dialogo negativo. Dovremmo rimanere concentrati su ciò che stiamo sviluppando per i gamer Xbox".

Sembrerebbe quindi che il responsabile della divisione gaming di Microsoft non stia controllando le dichiarazioni di tutti i suoi sottoposti. Forse dovrebbe, se il suo desiderio è avere una linea comune a tutti i dirigenti del colosso di Redmond.

Leave a reply