Mario-Sonic-ai-Giochi-Olimpici-di-Rio-2016

Mario & Sonic ai Giochi Olimpici di Rio 2016 - Anteprima

Mario & Sonic hanno fatto squadra per la prima volta nel 2008, quando ha debuttato sulla fortunata Wii il primo titolo dedicato ai Giochi Olimpici in salsa Nintendo: da allora ne è passata di acqua sotto i ponti, e due Olimpiadi dopo, il dinamico duo si ritrova ancora a dover affrontare una grossa sfida, questa volta a Rio, in Brasile.
Proprio lì infatti andranno in scena i Giochi Olimpici 2016, non poteva quindi mancare il gioco dedicato alla manifestazione: la versione 3DS è già uscita da qualche settimana, mentre quella Wii U è in arrivo tra poco meno di un mese, ed è quest’ultima che analizzeremo in questa anteprima.
Mario-and-Sonic-at-the-Rio-2016-01
Durante la nostra prova siamo riusciti a testare il titolo nella sua forma praticamente definitiva, potendo affermare che i passi avanti rispetto al predecessore sono enormi. Una volta approdati al menu principale, rappresentato dalla ridente spiaggia di Copacabana, abbiamo poca scelta: sono disponibili unicamente le partite veloci, in solitaria o in multigiocatore. Non disperiamo! La modalità principale, ovvero i Giochi Olimpici veri e propri, viene sbloccata portando a termine cinque partite libere: la scelta è stata fatta per mettere a proprio agio il giocatore coi comandi e con le varie discipline prima di mandarlo “a Rio”.

La modalità principale, ovvero i Giochi Olimpici veri e propri, viene sbloccata portando a termine cinque partite libere

A proposito degli sport disponibili, tornano gli immancabili eventi di atletica, come i 100 metri e tutti i grandi classici, il nuoto, il tiro con l’arco e così via: tra le novità segnaliamo la ginnastica artistica e il rugby, introdotto anche nella realtà da questa edizione. Il calcio era presente anche nei precedenti titoli, ma a questo giro è stato rinnovato del tutto, ne parleremo più approfonditamente in sede di recensione. Una volta presa la mano con i vari eventi possiamo tuffarci nel tanto atteso torneo dei Giochi, modalità che segue una sua logica ben precisa: le discipline da affrontare vengono selezionate casualmente, all’accesso troviamo tre biglietti, ognuno dei quali funziona da invito per tentare la corsa alla medaglia per la gara segnata sopra. Raggiungendo l’oro si sblocca la difficoltà successiva (tre in totale), in caso contrario sarà necessario dedicarsi a un’altra sfida, perché non avremo occasione di ritentare per diverso tempo, mossa studiata per invogliarci a provare un po’ tutti gli sport disponibili. Portando a termine tutti e tre i livelli di una disciplina, invece, verremo premiati con prezioso equipaggiamento che modifica le statistiche del nostro Mii.
Mario-and-Sonic-at-the-Rio-2016-14
A proposito di statistiche, ogni personaggio giocabile (circa una trentina in tutto) ha determinati parametri che cambiano in base allo sport scelto, il tutto tenendo conto delle caratteristiche fisiche: giganti come Bowser e Wario sono senza dubbio adatti al lancio del peso, ma selezionarli per i 100 metri comporterebbe gravi difficoltà, discorso inverso per quanto riguarda un velocista come Sonic, e così via per ogni disciplina. L’unico a non avere delle caratteristiche base è il nostro Mii personale, appunto modificabile a piacimento tramite l’utilizzo di costumi e oggetti che si sbloccano man mano che accumuliamo vittorie nei Giochi Olimpici.

L’unico a non avere delle caratteristiche base è il nostro Mii personale, appunto modificabile a piacimento tramite l’utilizzo di costumi e oggetti che si sbloccano man mano che accumuliamo vittorie nei Giochi Olimpici.

Infine, esiste un’ulteriore modalità che si attiva dopo cinque medaglie d’oro vinte, ovvero “Scontro tra Eroi”: si tratta di un particolare torneo dove il team Sonic affronta il team Mario in una sfida a eliminazione su più round. La squadra che esce sconfitta subisce l’eliminazione dei propri membri, proseguendo fin quando una delle due fazioni non termina gli atleti in gara.
Il gameplay è palesemente arcade, non ci aspettavamo di certo una simulazione, e tutto sommato gli sport che abbiamo provato risultano semplici e divertenti da giocare. Ovviamente l’esperienza si presta maggiormente al gioco in cooperativa contro la CPU o giocando tra amici in locale: i party games perdono tantissimo se giocati da soli, e il titolo sviluppato da SEGA non fa eccezione.
Se siete interessati a un gioco per animare le vostre serate estive in compagnia, non vi resta che aspettare il 24 giugno, data di uscita per Mario & Sonic ai Giochi Olimpici di Rio 2016 su Wii U, restate sintonizzati per non perdervi la nostra recensione!

 

Leave a reply