Shenmue III ha corso il rischio di non essere open world

In una recente intervista, Yu Suzuki ha sottolineato l’importanza di aver reperito un partner esterno per la pubblicazione di Shenmue III.

Il gioco, infatti, avrebbe corso il rischio di non essere un open world, senza un’ulteriore finanziamento da aggiungere ai fondi racimolati su Kickstarter.

“Abbiamo ottenuto un grande successo su Kickstarter, ma di fatto ci siamo resi conto che sarebbe stato difficile creare un gioco open world con il budget a disposizione”, ha spiegato il padre della serie Shenmue nata su Dreamcast.

“Per questo abbiamo cercato un partner esterno e grazie al supporto di Deep Silver abbiamo potuto ampliare il progetto originale inserendo nuovi contenuti e puntando a realizzare un gioco a mondo aperto. In questo senso, Deep Silver è stato un partner fondamentale per noi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *