Assassin’s Creed Hexe, Ubisoft rivela: “Sarà un’esperienza diversa”

Ubisoft ha rivelato dei dettagli molto interessanti su Assassin’s Creed Hexe, anticipando che tipo di gioco sarà. 

Con l‘Ubisoft Forward sono stati fatti degli annunci davvero molto importanti da parte del marchio nato in Francia, con tanti annunci interessanti. E ovviamente tra le IP su cui ci sono stati degli approfondimenti più interessanti non può che dominare Assassin’s Creed. Da oltre 15 anni la lama dell’assassino ha scavato un solco profondo nella storia videoludica, dividendo quello che c’era prima da quello che c’è dopo. Dopo aver messo per la prima volta il cappuccio di assassino e aver compiuto il primo salto della fede, come Altair.

Assassin's Creed Hexe, Ubisoft rivela: "Sarà un'esperienza diversa"
Assassin’s Creed Hexe, Ubisoft rivela: “Sarà un’esperienza diversa”

Da quel momento si sono susseguiti diversi protagonisti, diverse storie, diverse epoche e tante battaglie. E tantissime stanno per arrivare. Nell’Ubisoft Forward sono stati annunciati diversi giochi in arrivo per quanto concerne Assassin’s Creed, con diversi giochi in arrivo. Oltre a Mirage, in arrivo nel 2023, ci sono anche Codename Jade, gioco mobile ambientato nella vecchia Cina, Codename Red, ambientato nel Giappone feudale, e soprattutto Codename Hexe. Il più intrigante e misterioso tra tutti i titoli annunciati durante la kermesse.

Assassin’s Creed Hexe, le anticipazioni di Ubisoft

Non ci sono molti dettagli su Assassin’s Creed Hexe. Il brevissimo trailer mostra comunque qualche dettaglio particolarmente oscuro ed esoterico. Hexe in tedesco significa strega, e per questo motivo è molto facile pensare che il gioco possa essere ambientato nel Medioevo tedesco, quando la caccia alle streghe era, tristemente, all’ordine del giorno. In tal senso ci sono delle anticipazioni interessanti, che escono dalla bocca della verità: il VP Executive Producer dell’intera saga di Assassin’s Creed, Marc-Alexis Cote. Stando alle sue dichiarazioni, Hexe offrirà un’esperienze davvero molto particolare ed unica. Infatti gli sviluppatori hanno compreso che “non abbiamo bisogno di pubblicare un GDR ogni anno”.

Assassin's Creed Hexe logo scuro
Assassin’s Creed Hexe logo scuro

Il gioco potrebbe quindi essere un’esperienza molto diversa da quella degli ultimi giochi ed essere magari un ritorno ad un approccio story-driven e su binari. Oppure sperimentare ancora di più con nuovi generi e nuovi modi di intendere il gameplay. “Non tutto deve assumere la forma di un gioco di ruolo da 150 ore”, ha rivelato Cote ai microfoni di VGC. Una cosa è certa, maggiori dettagli su Assassin’s Creed Hexe non arriveranno affatto a breve, ma solo dopo l’arrivo sul mercato di Codename Red, ovvero il gioco di AC ambientato nel Giappone Feudale. Ricordiamo che c’è un grande cambiamento per God of War Ragnarok, e che ci sono dei problemi importanti per PS4.