Arrivata la conferma definitiva: i videogiochi fanno bene alla salute

Uno studio di Oxford conferma quello che noi gamer abbiamo sempre saputo: i videogiochi migliorano la nostra salute mentale.

Animal Crossing: New Horizons
Animal Crossing: New Horizons (da Nintendo.com)

Siamo una categoria temprata dagli stereotipi. Soprattutto in Italia, dove il mercato videoludico è visto come qualcosa di inevitabilmente legato all’età infantile, avremo sentito dire almeno una volta che i videogames “fanno male”.
Che sia demonizzato lo schermo in sé, o la violenza di un determinato gioco, la nostra non sarà mai una vita facile.

Nel corso dei decenni sono stati fatti numerosi studi a riguardo. Peccato che, molto spesso, si siano rivelati tutt’altro che affidabili.
Gli studi sono sempre stati fatti su dei soggetti osservati fuori dalla loro comfort zone. Costretti a sottostare alle regole di esperti e scienziati, i giocatori sottoposti alle analisi non hanno mai avuto modo di esprimere la loro passione per i videogiochi in maniera naturale.
Un grave errore che hanno continuato a ripetere e che non hanno mai prodotto dati affidabili. Questo almeno fino a poco tempo fa.

Leggi anche —> TRIGGERED – “Hardcore” contro casual su Returnal, beato chi non ha orari

L’innovativo studio di Oxford: salute e videogiochi

Animal Crossing: New Horizons
Animal Crossing: New Horizons (da Nintendo.com)

Andrew Przybylski, un ricercatore di Oxford, ha diretto uno studio sui videogiocatori, in un modo del tutto innovativo. Ha infatti notato e confermato come studiare un soggetto al di fuori dal tuo “habitat naturale” fornirebbe dati scorretti e risultati falsati.

In collaborazione con Electronic Arts e Nintendo, ha potuto analizzare insieme al suo team il comportamento di 2756 giocatori di Animal Crossing: New Horizons e 518 di Plants vs Zombies: Battle for Neighborville.
Lo studio si è svolto in questo modo: grazie ai permessi concessi dalle due aziende, Oxford ha avuto accesso ai dati di gioco dei videogiocatori coinvolti. Dopo tot ore di attività, sono state poste loro alcune domande. È stato dimostrato che dopo quattro ore passate a giocare ad Animal Crossing, i videogiocatori hanno risposto con buonumore e spensieratezza.

L’esperimento prescinde dai risultati in sé: il vero traguardo è il metodo innovativo utilizzato per portarlo avanti. Studiare i soggetti lasciandoli nei loro spazi e senza la pressione dell’osservazione, ha permesso ad Oxford di raccogliere i primi dati reali sull’argomento.

Che sia Animal Crossing a rilassarci con i suoi colori e i personaggi sorridenti, o sia Dark Souls a farci innervosire, con questo rivoluzionario metodo di approccio saremo in grado di verificare e studiare le emozioni che proviamo quando giochiamo.

Leggi anche –> Animal Crossing New Horizons ricrea la prima mappa di Among Us

LINK UTILI

La console Sony (foto: YouTube).