Enorme community di neo-nazisti bannati da noto videogioco

Una community veramente grande di neo-nazisti sono bannati all’interno di un videogioco famosissimo. Vengono scoperti, molte le segnalazioni dei giocatori 

Una delle Community più grandi è appena stata bannata da un titolo molto famoso. Il protagonista in questione è stato un videogioco pubblicato nel 2016 per Playstation e PC. Al momento dell’annuncio, Il titolo è riuscito ad evolversi al punto che oggi è uno dei più amati. Come spesso accade, al momento del lancio, il gioco in questione ha visto numerosi problemi. Poi, con il passare degli anni, risolti anche grazie al lancio di numerose espansioni gratuite. Non sono mancate anche altre funzionalità, tra cui basi personalizzate e mech.

community neo-nazisti bannati
community neo-nazisti bannati da un famoso videogioco (fonte pexels)

E così, grazie a modifiche mirate e abbastanza precise, il titolo è riuscito a dar vita ad una community multiplayer degna di invidia. Si riuniscono in diverse regioni, che vengono chiamate “spazio civilizzato”. La più famosa è l’hub galattico, un’unione di 11 regioni. Anche se molto controllato, molti sono i videogiochi che nell’ultimo periodo stanno perdendo colpi a causa della tossicità dei giocatori. Su Twitch, il cambio di regole aveva messo dei paletti ben precisi oltre i quali si va incontro al ban.

Bannati community di neo-nazisti all’interno di un videogioco molto conosciuto

Tuttavia c’è stato anche un incidente di percorso, dove i giocatori sono bannati anche se innocenti su Lost Ark. Ed è proprio No man’s Sky che, nell’ultimo periodo, ha visto la presenza di un giocatore che ha scatenato il panico. Secondo le parole dell’utente 71001334, è presente un troll neo-nazista che sta creando problemi nell’hub galattico, un qualcosa a cui i giocatori non possono porre rimedio. In tutta questa parte del gioco, si passa gran parte del tempo nella costruzione di basi. Ed è proprio qui che il troll si è presentato e che ha fatto di tutto per rovinare ciò che i vari giocatori avevano costruito. A Kotaku, sono fornite tutte le indicazioni riguardo all’utente troll per procedere alla verifica. Ed ecco che spunta che, molto spesso, egli fa riferimento ad uno dei leader neo-nazisti più famosi.

community neo-nazisti bannati
community neo-nazisti bannati da un famoso videogioco (fonte nomanssky)

Nonostante sia riuscito a scoprire chi si nasconde dietro questo utente, Kotoku non ha voluto fare pubblicamente il nome del troll ed ha affermato che molte sono le volte in cui dei giocatori problematici cercano di disturbare il gioco degli altri in modo abbastanza offensivo. L’unica cosa che si deve fare in questo caso è di segnalare quanto accaduto, così che possano essere bannati dal gioco. Non sempre la segnalazione sembra essere una strada efficace.

Un errore, “server 500”, è comparso ad alcuni utenti dopo aver provato a segnalarlo. Ciò ha spinto molti a credere che, la segnalazione in questione, non era stata ricevuta dalla piattaforma Hello Games. Nonostante tale errore, lo studio afferma che ogni denuncia è giunta correttamente. Kotoku inoltre afferma che, se i giocatori si sono trovati di fronte a questo errore, è perché quel giocatore in particolare era già segnalato più di una volta.