Fortnite vs Apple e Google, come continua la diatriba legale con Epic Games

Sono passati ormai diversi mesi dall’inizio della battaglia legale di Fortnite contro Apple e Google. La causa è ancora in corso 

La situazione è legata a Fortnite e alla policy delle 2 azienda che hanno rimosso il gioco free-to-play all’interno dell’App Store e dal Google Play Store. Tutto ciò è accaduto in seguito alla violazione dei termini di servizio nel momento in cui Epic non riconosce più la stessa percentuale di guadagni sulle microtransazioni verso i due colossi.

È proprio da quel momento che è nata una vera e propria guerra iniziata a colpi di marketing. In questo caso, Epic ha rimesso in gioco tematiche orwelliane e vecchi spot Apple, proseguendo poi per vie legali.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Cyberpunk 2077 giocabile in multiplayer? Possibile grazie ad una mod

Fortnite e la battaglia legale con Apple e Google

Fortnite vs Apple e Google
Fortnite vs Apple e Google (Screenshot YouTube)

Dopo diversi accordi trovati all’interno del tribunale degli Stati Uniti, in questo momento Epic Games ha deciso di spostare l’intero procedimento nel Regno Unito. Qui sta cercando di far tornare il Battle Royale su App Store. Secondo quanto riportato da Bloomberg, all’interno delle ultime note legali, Epic sostiene che la Apple ha abusato della sua posizione e che la rimozione del gioco sia stata una mossa illegale. Lo stesso giorno, il reclamo in questione è stato inviato anche a Google colpevole nella stessa azione.

Questi reclami poi sono stati inoltrati presso il Competition Appeal TribunalSi tratta della Corte britannica che si occupa di leggi in materia di antitrust. Negli Stati Uniti la battaglia legale va ormai avanti da mesi senza vedere una fine. Nel frattempo Epic Games vuole entrare nel mercato Britannico. Dopo questa richiesta potrebbe esserne fatta un’altra in Francia, in Germania o persino in Italia.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> FIFA e il “trucco” che permette di giocare vedendo l’intero campo

Lo scopo finale sarebbe quello di aprire un proprio Shop, del tutto diverso dall’app Store e da Play Store in cui non vi è nessun vincolo contrattuale. Come tutti sanno, sia Apple che Google sono sempre stati abbastanza restii a dare a terzi questa possibilità.