L’Homeland indaga sugli attacchi al PSN

Dyn, una compagnia che si occupa delle performance di Internet, ha svelato che l’Homeland è ora al lavoro per capire le cause e trovare i responsabili dell’attacco cracker che ha affondato (anche) il PSN venerdì scorso.

“Decine di milioni di indirizzi IP si sono connessi simultaneamente”, fanno sapere dall’azienda, aggiungendo che questi sarebbero relativi a stampanti e DVR collegati alla rete e sfruttati per l’attacco con un malware.

La difficoltà principale nello scovare i responsabili starebbe nel fatto che questi cambierebbero continuamente location, il che farebbe intendere che non ci sarebbe una nazione ostile agli Stati Uniti dietro ‘l’incidente’.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *