Mafia III: i giocatori potranno decidere quanto essere violenti

Mafia è notoriamente un gioco molto violento. D’altronde non potremmo aspettarci niente di diverso da un serie che narra le gesta di criminali disposti ad uccidere pur di arrivare ai loro scopi. Gli acquirenti sanno fin dall’inizio a cosa vanno incontro.

In Mafia III, sviluppato da Hangar 13 (parte di 2K Games), gran parte della violenza a schermo sarà tuttavia opzionale. Il protagonista, Lincoln Clay, avrà a disposizione numerose mosse brutali con cui mandare al tappeto i nemici, ma i giocatori saranno liberi di scegliere se usarle o meno. Le uccisioni letali invece, potranno essere liberamente disattivate dal menu di gioco.

Haden Blackman, Creative Director di Hangar 13, ha dichiarato:

Fin dagli stadi iniziali, volevamo che questo gioco fosse totalmente differente dai precedenti capitoli sella serie. Mafia II, in particolare, presentava una versione molto romantica della Mafia – cosa che calzava a pennello con quel gioco, poiché era ambientato durante l’età d’oro della Mafia.

Ora però ci siamo focalizzati sul 1968, un anno di grande violenza: la guerra del Vietnam era in pieno svolgimento, Martin Luther King Jr. e Robert Kennedy furono assassinati, anche la Convention Nazionale Democratica sfociò nella violenza.

Stiamo anche raccontanto una storia di vendetta molto personale, con un protagonista che è stato tradito e trattato in maniera orribile da chi è al potere, quindi sapevano di dover inserire un tipo di combattimento viscerale per rispettare i toni della storia.

Ciononostante, non abbiamo esagerato. Tutto combacia con l’allenamento da soldato sostenuto da Lincoln, e molta violenza è sotto il controllo del giocatore. I giocatori potranno decidere se utilizzare gli abbattimenti brutali, e potranno disattivare le uccisioni letali dal menu delle opzioni.

Mancano pochi giorni all’uscita di Mafia III. Il gioco è atteso per il 7 ottobre 2016 su PlayStation 4, Xbox One e PC. Potete ingannare l’attesa guardando l’ultimo trailer rilasciato.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *