Nintendo cambia tutto, c’è una nuova regola sullo store

Decisamente qualcosa sta cambiando nel modo in cui Nintendo vede il proprio pubblico. E nel modo in cui gestisce i contenuti che si vengono a trovare sul proprio Store digitale. Che sia arrivata l’apocalisse?

Alzate la mano se siete tra quelli ancora convinti che le console Nintendo siano una isola felice in cui lasciare a scorrazzare bambini piccoli e anziani al riparo da giochi violenti, in cui con un tocco su un pulsante le budella esplodono letteralmente. Adesso abbassate la mano, perché neanche più le console Nintendo sembrano essere a riparo dai contenuti “per adulti”.

Nintendo cambia tutto, c'è una nuova regola sullo store
Nintendo cambia tutto, c’è una nuova regola sullo store (foto: Nintendo)

Con una mossa che ci sembra ormai diventata un po’ una sotterranea routine, il grande publisher giapponese ha infatti deciso di aprirsi un po’ di più ad alcune categorie di videogiochi che invece fino al passato recente non erano neanche preso in considerazione. Se volete una dimostrazione di ciò, provate a cercare un gioco che si chiama “Hentai Uni“.

Hentai Uni, il gioco Nintendo da giocare con una mano sola

Non vogliamo fare della facile ironia nè abbiamo deciso di tirare fuori il nostro spirito da scaricatori di porto. Questa è la definizione che trovate scritta letteralmente sul sito di Nintendo se andate a cercare sullo eShop il gioco Hentai Uni: “un puzzle game che può essere giocato con una mano sola“. Che sta succedendo dentro Nintendo? Non c’è più il controllo qualità? Non ci sono più le mezze stagioni e si stava meglio quando si stava peggio? Una parte di noi continuava a essere convinta che Nintendo non avrebbe mai superato la soglia dei giochi a sfondo più smaccatamente erotico. Ci sbagliavamo.

Nintendo cambia tutto, c'è una nuova regola sullo store
Nintendo cambia tutto, c’è una nuova regola sullo store (foto: youtube)

Ovviamente, per poterlo vedere e acquistare occorre inserire la propria data di nascita e, come riportato sullo stesso sito del publisher, i genitori possono utilizzare la funzione del parental control sulla Switch per evitare che i figli giochino con titoli destinati agli adulti. Tra l’altro, nonostante la pubblicazione di Hentai Uni sia un evidente cambio di rotta per Nintendo, non è in assoluto il primo gioco osè ad essere stato autorizzato. Molto più amica dei bambini, e qualcuno direbbe puritana, risulta essere a questo punto Sony con la sua volontà di dare ai propri giocatori versioni edulcorate dei videogiochi che approva.

Parlando del gioco di sé, Hentai Uni è un Puzzle game che costa 5 euro circa e che, come molti piccoli prodotti del genere, ha un solo e unico scopo. E non è certo quello di avere un gameplay profondo o una storia complicata. Il fatto che si possa trovare sullo eShop è comunque una notizia perché la dice lunga su come Nintendo intenda gestire il proprio contenuto nel futuro.