PlayStation 5: in Giappone misure contro gli scalper

Yodobashi Camera, rivenditore giapponese di Tokyo della zona di Akihabara, ha messo in atto alcune contromisure per evitare di vendere le PlayStation 5 a eventuali rivenditori sottobanco.

Il sistema di Yodobashi Camera è semplice quanto efficace e si basa sul legare l’acquisto della PS5 al possesso di una Gold Point Card Plus, la card punti del negozio che funge anche da carta di credito, con in più alcune restrizioni, prima fra tutte il non aver già acquistato in passato una PS5.

Leggi anche –>The King of Fighters 15 presenta Benimaru Nikado nel nuovo trailer

PlayStation 5: il problema degli scalper

PlayStation 5 in Giappone misure contro gli scalper
L’interno di Yodobashi Camera a Tokyo (fonte: Youtube)

Quello degli scalper, che acquistano in blocco quantità di console per poi rivenderle in una zona grigia di legalità, è una piaga che affligge PS5 fin dal suo esordio.

Per questo motivo l’idea del gruppo Yodobashi ci è sembrata degna di nota. Un modo semplice ma molto efficace per tenere traccia degli acquisti e limitare al massimo la possibilità che qualcuno si accaparri più di una console per poi rivenderla.

Soprattutto perchè, altri rivenditori in altre parti del mondo non sembrano riuscire ad arginare i gruppi di scalper armati di bot. Si hanno, per esempio, notizie dell’inglese Argos che a gennaio si è vista comprare, senza poterlo evitare, quasi tutto lo stock di PlayStation 5 da un gruppo organizzato.

Certo, Yodobashi ha implementato questa politica dopo un sabato da incubo in cui aveva annunciato che avrebbe utilizzato il principio del “first-come-first-serve”, in pratica aprendo le porte a montagne di fan che hanno reso necessario l’intervento della polizia. Come si dice, sbagliando s’impara.

Leggi anche –> Su Minecraft arriva Il Signore degli Anelli grazie a un fan e alla RTX

E noi qui speriamo che anche i retailer italiani imparino presto e che le PS5 arrivino a tutti i giocatori che le aspettano.