“Sparate sugli arabi”, polemica all’evento di un videogioco

Alla presentazione di un noto videogioco è stato chiesto ai presenti di sparare sugli arabi e di uccidere coloro che erano soltanto caricature. 

Donna araba
Donna araba

Sniper Ghost Warrior Contracts 2 è un videogame sviluppato dai ragazzi di CI Games. Per sponsorizzare il proprio prodotto, l’azienda ha organizzato un evento riguardante il gioco di punta della compagnia, cercando di far parlare di sé. E ci sono riusciti, ma forse non come speravano.

La trama del videogioco tratta di un cecchino che deve eliminare dei criminali arabi molto pericolosi e la zona in cui il cecchino deve svolgere queste missioni segrete è il Medio Oriente, l’evento infatti tratterà di temi che riguardano quella zona, l’azienda si scusa per come sono state trattate le tematiche e di come ha ignorato la sensibilità delle persone coinvolte nell’evento, dicendo che non è stata CI games stessa alla gestione dell’evento ma è stato gestito da un ente terziario.

Uno dei giornalisti inviati ha criticato quest’organizzazione generale, dicendo che a tutte le persone che hanno partecipato all’evento sono state date armi giocattolo e gli è stato chiesto di sparare su delle persone che rappresentavano uno stereotipo accentuato di uomo arabo. E anche di urlare come fossero dei Jihadisti. Sull’edificio che ospitava l’evento c’era anche scritto “Trump 2024: The Revenge Tour”. 

Caos e razzismo: veleno su Sniper Ghost Warrior

 

Data la grande quantità di critiche ricevute CI games ha deciso di rispondere con un comunicato ufficiale: “Facciamo sempre molta attenzione a evitare stereotipi o rappresentazioni culturali negative“, dice la compagnia nel suo messaggio di scuse pubblico. “Rispetto e tolleranza sono valori fondamentali per la cultura della nostra azienda”, e sull’evento, “siamo rimasti sconvolti nello scoprire che un evento che doveva essere divertente si è invece rivelato offensivo”.

Analizzando l’evento e quello che è accaduto, “Ci prendiamo la piena responsabilità” si legge nella nota ufficiale, con la società che cercherà di controllar meglio tutti gli eventi che in futuro saranno organizzati per pubblicizzare Sniper Ghost Warrior.

Leggi anche –> Grande cambiamento in vista per Fortnite, la nuova patch è una bomba

Leggi anche –> ElettroLudica a Videogiochi.com “Vogliamo diffondere la cultura del videogioco”

Questo messaggio di scuse è riuscito a convincere molti membri della community, ma altri dicono di non essersela bevuta e pensano che queste scuse non siano veritiere e sono state fatte solo per evitare ulteriori problemi.