“Quando comincia il gioco?”: su Portal 2 non era prevista GLaDOS

Titoli come Portal 2 sono entrati negli annali fra i videogiochi più influenti di sempre e pare che a distanza di anni vengano rivelate nuove informazioni circa il suo ciclo di sviluppo. Nello specifico, si parla della figura di GLaDOS.

portal 2 glados
Fonte: “YouTube”

GLaDOS è l’antagonista simbolo di Portal. Un tempo un’umana di nome Caroline, divenne un’intelligenza artificiale di fondamentale importanza all’interno delle industrie dell’Aperture Science, capitanate dall’imprenditore e fondatore Cave Johnson. Tuttavia, la sua figura, inizialmente, non era prevista all’interno di Portal 2, visti gli eventi del primo titolo della breve serie. Ecco perché è stata insierita.

Leggi anche –> CD Projekt Red perde pezzi, se ne va il Lead Designer di Cyberpunk 2077

GLaDOS prima non c’era

portal 2
GLaDOS, dopo essersi liberata di Shell, utilizza due IA per i suoi test. All’inizio, GLaDOS, non era prevista all’interno di Portal 2. Fonte: “YouTube”

Ebbene, la figura di GLaDOS era rimasta in sospeso. Nonostante il titolo fosse realmente nuovo e ci fosse già una “mascotte” del nuovo Portal 2, il piccolo e imbranato Wheatley, il titolo sembrava sempre una sorta di propaggine del tutorial. Il designer, Robin Walker, rivela all’interno di un’intervista:

Leggi anche –> Rainbow Six Siege e Resident Evil, Zofia nei panni di Jill Valentine

GLaDOS didn’t exist then – it was just ‘the game’,[…] And I remember we had playtesters come in and they would have a lot of fun and I remember more than one of them would finish and, essentially, in their feedback say, ‘All this training stuff was really fun but, like when’s the game start?’ And we were all like, ‘Man, this is the game!?’ Like, what makes someone go through that experience of those levels and come out and ask where’s the game start? What are the cues they are looking for that make them believe this is the game?

I playtester, quindi, come feedback, sostenevano che il gioco dovesse ancora iniziare. Proprio perché mancava un vero e proprio antagonista, qualcuno come il computer psicopatico del primo capitolo ad esempio, il titolo sembrava non decollare. Mancava un senso a tutto quel progredire all’interno delle sterili stanze in rovina dei laboratori Aperture e, infatti, venne trovato un modo per far tornare GLaDOS e fare in modo che, da quel momento, ci fosse un vero robot assassino fissato con i test per dare maggior coesione ai vari stage del gioco.

LINK UTILI

ps5
Fonte: “store.playstation.com”