Remedy parla dei problemi nei titoli co-op

Con Vanguard in arrivo tra qualche mese, Remedy riflette sulle sfide particolari che i titoli in co-op pongono agli sviluppatori.

Remedy parla dei problemi nei titoli co-op
Remedy parla dei problemi nei titoli co-op (foto: youtube)

In una intervista, il CEO di Remedy ha voluto dire la sua su quelli che secondo lui sono i problemi possibili per i titoli in co-op. E non sono i server a quanto pare.

Leggi anche –> OPEN WORLD – Assassin’s Creed Valhalla, Vikings e il mondo nordico

Vanguard, co-op e contenuti

Remedy parla dei problemi nei titoli co-op
Remedy parla dei problemi nei titoli co-op (foto: youtube)

Remedy è famosa per i titoli in single player, quindi la notizia che il suo prossimo Vanguard sia in co-op è di per sé già una notizia. E come chiarito anche da Tero Virtala, il CEO dello studio di sviluppo, i titoli co-op pongono una serie di sfide diverse. La più importante sarebbe la durata del gioco, il suo resistere allo scorrere del tempo e alla concorrenza degli altri titoli.

Quando si costruiscono esperienze di gioco singolo giocatore, il contenuto da proporre è fondamentale, questo il ragionamento di Virtala, mentre nei multiplayer il contenuto non è così importante perchè “la creazione dei contenuti sia questo grande problema perchè gli altri giocatori sono il contenuto: sono sempre lì a creare esperienze nuove, sessione dopo sessione.” In buona sostanza basta dare ai giocatori un buon obiettivo da raggiungere, una bella ambientazione e loro fanno il resto.

Ma i titoli co-op generano altri tipi di problemi agli sviluppatori, primo fra tutti proprio il fatto che non si possano creare contenuti raffinati e che quindi occorre organizzarsi diversamente perchè il gioco sia piacevole e attragga giocatori non solo nell’immediato ma anche nel lungo periodo. “Nei titoli co-op, la sfida è stata spesso quella della ripetitività. Per creare esperienze durature, lo sviluppatore non può affidarsi solo a curare ogni singolo livello e missione unica perchè non è questo un percorso sostenibile.”

E qui arriva la riflessione di Virtala: cercare di unire la storia, qualcosa di cui Remedy ha fatto una sua cifra stilistica, e il modo in cui il multiplayer è pensato e sperimentato dai giocatori. “Avevamo visto che c’erano questioni non risolte riguardo al modo in cui si potesse creare un titolo co-op duraturo. Se possiamo risolvere questi problemi, se possiamo portare il modo in cui raccontiamo storie con l’esplorazione e con l’ambiente, potrebbero essere elementi da usare meglio in co-op piuttosto che nel PvP.”

Leggi anche –> Frogger in Toy Town annuncia una nuova modalità
Virtala e il suo team sono poi lavoratori instancabili e hanno le idee piuttosto chiare di cosa costituisca per loro un successo e cosa ancora non lo sia. E Control, nonostante 2 milioni di copie vendute, per Virtala, ancora non è.

Mentre digeriamo quanti zeri ci vogliono per scrivere 2milioni, vi abbiamo lasciato il trailer di presentazione di Control. A fondo pagina.

LINK UTILI