Rise of Kingdoms, arriva una nuova grande civilità

Grosso aggiornamento per Rise of Kingdoms, lo strategico in tempo reale MMO firmato Lilith Games: una nuova grandiosa civiltà che renderà tutto più solenne e caotico.

L’aggiornamento è disponibile su PC e su tutti i dispositivi Android e iOS e sarà anche l’occasione per il developer per abilitare una funzionalità che tanti aspettavano. Rise of Kingdoms è considerato uno dei migliori MMO strategici e con questa nuova civiltà si espande con un’altro regno accuratamente ricreato in ogni suo aspetto.

Rise of Kingdoms, arriva una nuova grande civilità
Rise of Kingdoms, arriva una nuova grande civilità (foto: Lilith Games)

Dopo averci dato Roma, la Spagna, la Francia, l’estremo oriente con Cina e Giappone e molti altri Paesi arrivano ora i Faraoni in tutta la loro dorata gloria e che portano il numero delle civiltà totali di gioco a 13.

Il potere di Ra invade Rise of Kingdoms

Il comunicato stampa racconta nel dettaglio tutte le caratteristiche della nuova  civiltà degli Egizi inserita in Rise of Kingdoms. Come sempre, Lilith Games ha prestato moltissima attenzione a tutti i dettagli di questa new entry. I nuovi comandanti si uniscono a Sun Tzu, Giulio Cesare e Masashige e ci sarà quindi modo di esplorare un nuovo albero delle abilità.

Rise of Kingdoms, arriva una nuova grande civilità
Rise of Kingdoms, arriva una nuova grande civilità (foto: Lilith Games)

Per quello che riguarda i personaggi storici inseriti ci sono, tra gli altri, Cleopatra, Thutmose III e Imhotep e ovviamente tutto il regno dei Faraoni è costruito in modo fedele e plausibile, ricalcando la realtà storica come già visto, per esempio, con la civiltà romana. Ovviamente, Lilith Games stavolta ha potuto dare sfogo al lato più elegante potendo ricreare le architetture più rappresentative costruite da una civiltà che nel bene e nel male è sopravvissuta per quasi 30 secoli.

Oltre ai comandanti, viste le caratteristiche del gioco che non si concentra solo sugli scontri ma anche sulla costruzione e sulla gestione delle risorse e quindi tra i personaggi sono stati inseriti architetti di piramidi e alti sacerdoti che contribuiscono a quell’alone di realismo che pure si accompagna bene allo stile particolare scelto dal team di sviluppo cinese. L’aggiornamento si chiama Egypt Must Rise e oltre alla civiltà egizia introduce anche il cross play il che significa che è possibile giocare su qualunque device riprendendo il proprio impero lì dove lo avevate lasciato.