Gli sviluppatori di Tiny Tina’s Wonderlands sono stati acquistati

I ragazzi responsabili del divertente Tiny Tina’s Wonderlands insieme a Gearbox, ovvero il team di sviluppo Lost Boys Interactive, sono stati ufficialmente acquistati e fanno ora parte di una grande famiglia per una cifra che al momento non è stata ancora resa nota.

E se vi state chiedendo chi possa mai averli acquisiti non è difficile immaginare. Lost Boys Interactive fa infatti ora parte della grande famiglia Gearbox Entertainment ma, queste sono le rassicurazioni ufficiali, manterrà la propria indipendenza lavorando come sussidiaria proprio di Gearbox Entertainment per fornire supporto agli altri team di sviluppo del gruppo ma lavorando anche a propri progetti.

Gli sviluppatori di Tiny Tina's Wonderlands sono stati acquistati
Gli sviluppatori di Tiny Tina’s Wonderlands sono stati acquistati (foto: Lost Boys Interactive)

Per la proprietà transitiva delle acquisizioni, il fatto che adesso Lost Boys Interactive sia diventato ufficialmente un team di Gearbox significa a sua volta che è entrato a far parte nella grande famiglia Embracer Group.

Lost Boys Interactive, dopo Tiny Tina’s Wonderlands ancora Gearbox

Come succede quasi sempre, lo studio di sviluppo Lost Boys Interactive è nato qualche anno fa, per la precisione nel 2017, da un gruppo di sviluppatori con alle spalle grandi esperienze. I tre fondatori (Shaun Nivens, Mark Stefanowicz e Rod Runnheim) hanno infatti lavorato tra gli altri con Disney e SEGA. Fin da subito è stato chiaro il livello qualitativo dei prodotti di questo team di sviluppo, un livello qualitativo che ha trovato la sua quadra proprio con Tiny Tina’s Wonderlands sviluppato insieme a Gearbox Entertainment.

Gli sviluppatori di Tiny Tina's Wonderlands sono stati acquistati
Gli sviluppatori di Tiny Tina’s Wonderlands sono stati acquistati (foto: twitter)

L’annuncio dell’acquisizione che porta avanti anche il progetto dichiarato dal CEO di Embracer Group di acquisire 60 studi di sviluppo da qui ai prossimi due anni, è stato affidato anche a Twitter con un messaggio in cui si sottolinea come tutti siano contenti di continuare con questa collaborazione. Il messaggio di risposta più gettonato gioca sul nome del team di sviluppo anche se c’è qualcuno che, con un po’ più di pragmatismo, suggerisce di mettere i ragazzi, una volta perduti e ora trovati, al lavoro sul prossimo Brothers in Arms che i fan della serie aspettano da 13 anni.

In effetti, quello che manca sapere è su che cosa si concentrerà il lavoro di Lost Boys. Il team di sviluppo a inizio mese era in cerca di diverse figure professionali che gli hanno poi permesso di raggiungere e superare la pietra miliare dei 200 impiegati, in pratica tutti con un contratto da remoto. Con le nuove posizioni aperte e la volontà evidente di espandere nei numeri la propria forza lavoro, è chiaro che questo team dopo il successo di Tiny Tina’s Wonderlands non vuole deludere i fan né tantomeno Gearbox.