Tagli ai costi, Netflix prende una decisione per la stagione 2 di Arcane

Sembra proprio non essere un momento felice per Netflix. La grande piattaforma di streaming della N rossa sembra essersi improvvisamente risvegliata da un sogno fatto da milioni di iscritti e adesso si trova costretta a tirare un po’ i cordoni della borsa.

Una delle notizie più preoccupanti è il fatto che in barba alle previsioni fatte lo scorso anno e relative al primo trimestre del 2022 secondo cui ci sarebbero stati due milioni e mezzo in più di utenti, in realtà la società ha perso 200 mila utenti a causa della sospensione dei servizi in Russia, tra le altre cose. A questo si aggiunge il fatto che la società quotata in borsa ha di recente toccato il minimo storico da gennaio 2018 perdendo così 54 miliardi di dollari di capitalizzazione.

Tagli ai costi, Netflix prende una decisione per la stagione 2 di Arcane

Per far fronte a queste notizie non proprio entusiasmanti, la società ha quindi deciso di sfoltire un po’ alcuni reparti e sono cadute teste importanti, soprattutto nella sezione di sviluppo dei prodotti di animazione. Il che ha fatto tremare i polsi ai fan di Arcane, che hanno rischiato di non vedere la seconda stagione della serie ispirata a gioco di Riot.

Arcane 2 e la decisione di Netflix

Ad essersene andati sono stati per esempio Phil Rynda e il suo staff. Per chi non avesse familiarità con le gerarchie Netflix, Rynda era Director of Creative Leadership and Development for Original Animation. Ma oltre all’abbandono da parte di chi doveva occuparsi della gestione del reparto animazione proprio molti prodotti di Netflix Animation sono stati cancellati senza troppe spiegazioni. Tra questi l’adattamento già annunciato nel 2019 del fumetto a firma Jeff Smith, Bone, insieme all’adattamento del racconto di Roald Dahl The Twist.

Tagli ai costi, Netflix prende una decisione per la stagione 2 di Arcane
Tagli ai costi, Netflix prende una decisione per la stagione 2 di Arcane (foto: Youtube)

Una situazione davvero delicata. Ma per la seconda stagione di arcane le notizie sono positive perché Riot Games non ha mai dato a Netflix il controllo della produzione della serie animata ispirata a League of Legends. La piattaforma della grande N rossa ha infatti, da contratto, solo i diritti di distribuzione. A occuparsi della produzione della seconda stagione di Arcane è infatti lo studio francese Fortiche. Questo significa che non c’è rischio che Arcane subisca la triste fine della cancellazione come successo ad altri prodotti animati.

Si apre però un’altra domanda: adesso, vista la scelta di ridurre la spinta dei prodotti animati, Riot ha intenzione di trovare un altro partner di distribuzione magari andando ad affidare la seconda stagione di arcane o i futuri contenuti ai rivali di Netflix?