TRIGGERED – “Cyberpunk 2077 è soddisfacente” secondo il CEO di CDPR

Cyberpunk 2077 è soddisfacente, ad affermarlo è stato il CEO di CDPR, Adam Kicinski. Un’affermazione a dir poco incredibile. 

Cyberpunk 2077 bug stranissimo
Cyberpunk 2077 bug stranissimo

Cyberpunk 2077 si è mostrato al pubblico lo scorso 10 dicembre 2020. Ed oggi, quasi sette mesi dopo il lancio ufficiale sul mercato mondiale, il gioco è tutt’altro che finito. La campagna pubblicitaria che CDPR ha imbastito negli anni precedenti al lancio del gioco è stata a dir poco martellante e pomposa. I trailer e le promesse che gli sviluppatori polacchi hanno fatto, complice l’amore enorme che milioni di videogiocatori investivano nella software house europea, non hanno fatto altro che spingere a puntare più in alto.

La trilogia di The Witcher ha trasformato CD Project Red da pochi sognatori ad una casa di sviluppo in piena regola, con centinaia di impiegati e progetti di alto livello. The Witcher 3 è senza dubbio tra i giochi migliori per quanto concerne l’RPG, di sempre. E malgrado un gameplay non proprio esaltante ed un combat sistem che non lascerà il segno nella storia, l’avventura di Geralt è un ricco patrimonio per l’industria videoludica. Indimenticabile. Non rotta. Un mix perfetto di aspettative altissime e promesse altisonanti hanno trasformato Cyberpunk 2077 in un evento storico, una sorta di momento cruciale nella storia del medium. E poi l’enorme disastro di cui tutti parliamo ormai da tanto.

CDPR e il livello “soddisfacente” di Cyberpunk 2077

E mentre i poveri sviluppatori di CDPR lavorano costantemente, ingiustamente insultati ed attaccati da tutti, gli alti piani della compagnia sembrano quasi prendere in giro tutti con delle affermazioni che continuano a non rispecchiare la realtà. Dal “runs surprisingly well on consoles” di qualche settimana prima del lancio, ora il CEO dell’azienda polacca, Adam Kicinski ha affermato ai microfoni di TVN 24 che “siamo ad un livello soddisfacente”.

Un videogioco che non riesce ad ottenere neanche il 30% di quello che prometteva, soprattutto su console “old-gen” che in realtà non sono affatto old gen dato che PS4 e Xbox One sono attualmente le macchine più diffuse in tutto il mondo in termini di console. Con PS5 e Series X|S che sono introvabili.

Leggi anche –> Come scroccare un passaggio alla nave madre degli alieni di Fortnite

Night City, che doveva sembrare lo sprawl di cui tanto ha scritto Gibson nei suoi libri, è sempre più una landa desolata e un luogo dove non funziona proprio niente. Interazioni imbarazzanti, bug continui, glitch, il gioco che si rompe continuamente. E’ questo il “livello soddisfacente” per CDPR? Contenti loro…