I videogiochi sono prodotti di cultura: l’aiuto dal governo

Il Ministero della Cultura e il Ministero dell’Economia riconoscono i videogiochi come prodotti culturali; arrivano i fondi.

videogiochi cultura
Aiuti alle aziende italiane produttrici di videogiochi dal governo (foto: YouTube).

Da anni ormai si dibatte circa l’effettivo valore artistico e culturale dei nuovi prodotti d’intrattenimento, che si tratti di videogiochi oppure di fumetti; e mentre questi sono considerati la nona arte, per il mondo videoludico continuano ad esserci ancora pregiudizi.

Nonostante questo però, così come gli eSports stanno avendo il grande merito di avvicinare anche i più scettici al mondo videoludico, alcuni capolavori degli ultimi anni hanno fatto sì che venisse dato ai videogiochi valore culturale. A confermarlo, una nuova strategia economica del governo.

Leggi anche –> eSports e Serie B insieme: gironi e proplayer della BeSports

I videogiochi “fanno” cultura: l’aiuto del Ministero

videogiochi cultura
Il Ministro della Cultura Dario Franceschini (foto: YouTube).

Come si legge nel comunicato, il Ministro della Cultura Dario Franceschini ha firmato, insieme al Ministro dell’Economia Daniele Franco, il decreto per la Tax Credit Videogame, che  riconosce un’aliquota del 25% del costo di produzione a imprese italiane produttrici di videogiochi.

I videogiochi sono frutto dell’ingegno creativo ed è giusto che possano ricevere un sostegno” le parole dell’On. Franceschini, che sottolinea come il settore sia in grande crescita e come si stiano realizzando prodotti di grande qualità, capaci di attrarre produzioni internazionale e far emergere giovani talenti.

Il decreto è un passo importantissimo verso un’industria spesso sottovalutata ma che, come sottolinea il Ministro, non soltanto sta permettendo a giovani talenti italiani di brillare a livello internazionale, ma sta anche contribuendo attivamente allo sviluppo economico del paese; i soggetti beneficiari devono essere infatti soggetti a tassazione in Italia, per effetto della residenza fiscale o in presenza di una stabile organizzazione in Italia.

Leggi anche –> Super Mario Party 2 in fase di sviluppo? Il rumor infiamma i fan

I videogiochi stanno contribuendo attivamente nel valorizzare la cultura italiana e il governo, a quanto sembra, si sta muovendo attivamente per promuoverne lo sviluppo; una mossa che non può che far felici tutti noi videogiocatori.

LINK UTILI

La console Sony (foto: YouTube).