Alan Wake 2, grande delusione per i videogiocatori

Per festeggiare in maniera degna l’anniversario dell’uscita del primo Alan Wake, sul canale YouTube di Remedy è stato pubblicato un video di poco meno di 15 minuti in cui c’è stato modo anche di parlare un po’ ovviamente di Alan Wake 2.

Purtroppo però gli aggiornamenti non sono proprio quello che tutti i fan del videogioco di Remedy si aspettavano. Infatti, per quanto siano belli e interessanti i concept art mostrati, quello che hai fan volevano vedere era un po’ di gameplay. Ma per quello probabilmente occorrerà aspettare ancora un po’.

Alan Wake 2, grande delusione per i videogiocatori
Alan Wake 2, grande delusione per i videogiocatori (foto: Youtube)

Il video serve innanzitutto a Sam Lake, Creative Director di Remedy, per confermare che il gioco si farà. Il che è già una buona notizia visto ciò cui stiamo assistendo ultimamente, con titoli che vengono spostati in continuazione fino a ritrovarsi con la preoccupante etichetta “TBA” o “TBD” dopo che magari era stato indicato anche un mese o addirittura un giorno.

Alan Wake 2, per ora solo qualche concept

La videointervista di cui sono protagonisti Sam Lake, Ilkka Villi e Matthew Porretta è sicuramente stata una occasione interessante per parlare del personaggio del videogioco. Un videogioco che, per citare una definizione che ne dà lo stesso Villi, è complesso e multisfaccettato frutto di un dialogo continuo all’interno del team di sviluppo. Questo personaggio che per tanti è stato il primo amore videoludico è destinato a tornare in Alan Wake 2. La conferma viene direttamente da Lake ed è per tanti un sospiro di sollievo. Quello che però forse qualche fan si aspettava era vedere almeno un frammento di gameplay oppure un altro pezzetto di video come il teaser trailer di annuncio che è l’unica cosa che al momento abbiamo a parte i concept art che sono stati mostrati proprio durante la videointervista.

Alan Wake 2, grande delusione per i videogiocatori
Alan Wake 2, grande delusione per i videogiocatori (foto: Youtube)

Ma Remedy ha un suo modo di gestire le cose, ribadito anche in questa intervista: gli sviluppatori non hanno tempo da perdere nel creare delle demo di qualcosa che poi tanto quando il prodotto finito verrà pubblicato magari verranno cancellate. Quindi mentre aspettiamo che arrivi il 2023, anno in cui è prevista l’uscita del gioco, dobbiamo accontentarci, e si fa per dire perché sono comunque meravigliosi, proprio dei concept art .

Quello forse più interessante rappresenta una anziana signora che sta lavorando a maglia in una fogna o in uno scantinato di qualche palazzo. Le domande, anche solo guardando questo concept, sono molte. Che ci facciamo in questa cantina? Che ci fa qui la signora anziana ma che indossa un abito che potrebbe essere di una bambina? Ma soprattutto quel filo rosso che sta usando per lavorare a maglia è veramente solo un filo di lana?