Call of Duty, bannati 500mila utenti nella notte

Activision ha annunciato di aver eliminato 500 mila account da Call of Duty e lo scopo dichiarato dal publisher è sempre lo stesso: ridurre la tossicità dell’ambiente di gioco e quindi permettere a tutti di giocare in serenità.

Perchè non ci sono solo i cheater a rendere la vita pressochè impossibile a chi vuole giocare solo per rilassarsi un po’. I comportamenti infantili e cattivi sono purtroppo all’ordine del giorno e si declinano in forme e modi che lasciano stupiti a volte. Tra hater pronti a inondare le chat di gioco di sessismo e razzismo assortito e giocatori buontemponi che scelgono nomi orribili per fare login, trovare un server tranquillo per giocare e basta può diventare un’impresa.

Call of Duty, bannati 500mila utenti nella notte
Call of Duty, bannati 500mila utenti nella notte (foto:Activsion)

Ed è per questo che Activision pubblica sempre i report che riguardano proprio il contrasto alle attività e ai comportamenti che potrebbero spingere giocatori e giocatrici a trovare altri passatempi.

Activision fa (di nuovo) pulizia dentro Call of Duty

Non è la prima volta e, purtroppo siamo convinti, non sarà neanche l’ultima. Activision continua la sua giusta lotta a chi rovina l‘esperienza di gioco ai tanti che scelgono Call of Duty. Si tratta di una questione principalmente di marketing e di immagine. Del resto se un gioco è tossico si spopola e se si spopola genera meno ricavi. Ma ciononostante ci fa piacere vedere un publisher prendere così a cuore le condizioni in cui si trovano a giocare gli utenti che fanno login sul suo prodotto.

Call of Duty, bannati 500mila utenti nella notte
Call of Duty, bannati 500mila utenti nella notte (foto: Activision)

Anche perchè Call of Duty sembra davvero, a periodi, diventare una calamita per chiunque voglia dare fastidio. Dai cheater a chi sceglie nomi offensivi, c’è una vasta gamma di comportamenti scorretti che vengono stanati, registrati e, come nel caso più recente, sanzionati con il ban. Il publisher ha appena annunciato di aver eliminato 500 mila account per ora, fanno sapere, e altri 300 mila account si sono visti cambiare il nome.

Una dimostrazione chiara di come funziona anche il nuovo codice di condotta e i nuovi sistemi di filtraggio che bloccano immediatamente tutta una serie di parole offensive che potrebbero essere usate come nome utente o per identificare un clan. Tutti sistemi che a quanto pare funzionano dato che, ed è sempre Activision ha riportarlo, su Call of Duty le segnalazioni sono calate del 55% proprio riguardo nomi e tag poco delicati o direttamente offensivi.