Dopo dei controlli alcuni furbetti potrebbero essere espulsi dal cashback

Il programma cashback sotto controllo per evidenziare che ne fa uso improprio. Ecco chi rischia di essere espulso per sempre

cashback
cashback, esclusione dei furbetti dal piano (screenshot YouTube)

Sul programma cashback sono in programma molti più controlli. Diversi furbetti rischiano l’esclusione permanente dall’iniziativa. PagoPA, insieme al ministero dell’Economia, è al lavoro per poter creare delle soluzioni che vadano a limitare tutte le persone che non rispettano il programma e ne approfittano.

La manovra ha intenzione di poter evidenziare chi ne fa un uso improprio in modo da poterlo escludere dal programma. Il segretario del Mef, Claudio Durigon, ha annunciato tale azione di controllo durante il question time in commissione Finanze della Camera dei Deputati.

Leggi anche -> Pachter si assumerebbe il merito dell’acquisizione Zenimax/Bethesda

I controlli sui cashback e chi li utilizza

cashback
cashback, esclusione dei furbetti dal piano (screenshot YouTube)

Sono state ricevute alcune principali critiche. Vale a dire abusi di alcuni utenti, i quali starebbero frazionando i pagamenti nello stesso punto vendita per poter raggiungere i 50 movimenti per il rimborso necessario. Tuttavia tutti questi furbetti potrebbero ricevere una bella sorpresa. Il governo infatti è a lavoro per poter intensificare i controlli su tali abusi, che alcuni utenti stanno effettuando nei confronti del piano cashless.

Si tratta della strategia che è stata messa in atto per poter incentivare i pagamenti digitali andando a contrastare tutte le vendite in nero e senza ricevuta fiscale. Alcuni utenti hanno approfittato dell’iniziativa andando a frazionare le proprie transazioni per poter raggiungere la quota necessaria dei 50 pagamenti per poter usufruire del rimborso al 100%. Sono diverse le soluzioni che stanno prendendo in considerazione PagoPA ed il ministero dell’Economia. Tali soluzioni prevedono anche delle modifiche attuative che hanno permesso la messa in atto del programma.

Leggi anche -> Pasqua e Pasquetta: cosa si potrà fare e cosa no tra 3 e 6 aprile

Si deve anche precisare che i casi in questione sono ben pochi, si tratta solo dello 0,2% del totale degli utenti partecipanti al programma. Al momento è in atto un monitoraggio nei confronti dell’attività sospetta. Per quanto riguarda le sanzioni, i furbetti potrebbero incorrere nell’esclusione del programma andando a perdere tutti i diritti sui rimborsi e sul super cashback. Si potrebbe arrivare anche a dei blocchi sull’app Io, in cui si va a registrare solo la prima delle piccole transazioni effettuate presso lo stesso esercente.

LINK UTILI

Ps5 con lettore
Ps5 con lettore (screenshot YouTube)