DEMO PROVATA PER VOI – A Guidebook of Babel: Effetto farfalla

Effetto farfalla. La demo che abbiamo provato questa settimana si chiama a Guidebook of Babel. Si tratta di un titolo punta e clicca con uno stile riconoscibile, molto simile a una certa tipologia di animazione, con una storia profonda e complicata e una meccanica originale, divertente e a volte canzonatoria.

DEMO PROVATA PER VOI - A Guidebook of Babel: Effetto farfalla
DEMO PROVATA PER VOI – A Guidebook of Babel: Effetto farfalla (foto: screen di gioco)

A Guidebook of Babel è uno di quei titoli corali in cui, come in alcuni punta e clicca, non si vestono i panni di un unico personaggio ma, a seconda della scena, il punto di vista cambia e la storia si riassesta e si approfondisce.

Per chi è abituato a entrare nella storia di un videogioco attraverso un personaggio e uno soltanto potrebbe trattarsi di un esperienza nuova, magari ai limiti della fantascienza, un po’ com’è proprio questo titolo firmato Starry Starry Games.

Si tratta infatti di un viaggio nell’aldilà e tutto si svolge su una nave, che si chiama appunto Babbel. Vestendo i panni dei diversi personaggi si può cercare di capire che cosa è successo prima dell’arrivo sulla nave, che è poi la nave di Caronte se vogliamo.

Leggi anche –> Ghostrunner 2 annunciato ufficialmente da 505 Games: i dettagli

A Guideook of Babel: effetto farfalla

DEMO PROVATA PER VOI - A Guidebook of Babel: Effetto farfalla
DEMO PROVATA PER VOI – A Guidebook of Babel: Effetto farfalla (foto: screen di gioco)

La meccanica particolare che Starry Starry Games, un duo cinese di sviluppatori, ha pensato per A Guidebook of Babel è legato all’idea dell’effetto farfalla. L’effetto farfalla è quel principio secondo cui un evento assolutamente casuale che avviene da una parte del mondo può avere ripercussioni dalla parte opposta del globo. Si chiama effetto farfalla perché l’esempio che viene fatto è il battito d’ali di una farfalla che nell’emisfero occidentale provoca un uragano in quello orientale.

In questo caso l’effetto farfalla ci permette di ricominciare le Quest, in cui è organizzato A Guidebook of Babel, nel caso in cui sbagliamo. Vi diciamo subito che noi abbiamo fallito, miseramente, diverse volte. Abbiamo quindi una approfondita esperienza di questo effetto farfalla. Ma non c’è soltanto il trial and error nel gioco, che rischierebbe di portare livelli incontrollabili di frustrazione.

C’è infatti una sorta di spirito guida che ci parla e ci aiuta a capire dove abbiamo sbagliato. Qualcosa che servirebbe anche nella vita reale. Dopo essere stati guidati da questo spirito siamo riusciti a superare la prima Quest e la seconda Quest che la demo ci offre. In buona sostanza A Guidebook of Babel si configura come un punta e clicca vecchia maniera, con uno stile dei personaggi molto particolare. Che ricorda Certa animazione francese per l’uso delle linee di contorno, ma che poi rimanda anche al filone dei primi giochi di ruolo nei qualii  personaggi avevano sempre la stessa faccia ma tramite delle Emoji, il linguaggio universale dell’essere umano, si capiva come il personaggio modificasse le proprie reazioni.

Con un titolo corale, da una demo è difficile capire dove si andrà a parare, questo è chiaro, ma A Guidebook of Babel ci ha decisamente intrigato. Anche perché questo andare avanti e dietro ricorda anche un po’ certi film nei quali i personaggi possono tornare indietro. Se però state pensando al famoso film con Bill Murray sul giorno della marmotta in realtà quello che ci è venuto in mente è il giapponese Rashomon e anche il sottovalutato titolo con Sandra Bullock Premonition.

Il titolo completo al momento non ha una data d’uscita ufficiale. Ma potete farvi un giro sulla Babel con la demo. E quando uscirà, altro aspetto che ci piace, sarà disponibile anche per mobile.

Livello di Hype: Avanti tutta!

Leggi anche –> INIZIA IL WEEKEND – Tra sfide ed incarichi arrivano Destiny 2 e Fortnite

LINK UTILI

DEMO PROVATA PER VOI - A Guidebook of Babel: Effetto farfalla
DEMO PROVATA PER VOI – A Guidebook of Babel: Effetto farfalla (foto: youtube)