Enorme portale di videogiochi sta per essere chiuso per sempre

Uno dei rivali storici di Steam, un portale da cui scaricare videogiochi molto conosciuto, ha deciso ufficialmente di non accettare più nuovi utenti e si prepara a chiudere tutto per poter modificare la propria strategia di business.

Cercare di eguagliare le performance di qualcosa che tutti conoscono e utilizzano ogni giorno come la piattaforma ideata da Valve è chiaramente una ambizione che ogni società dentro di sé porta ma riuscire poi nei fatti a realizzare questa ambizione è tutt’altro che facile.

Enorme portale di videogiochi sta per essere chiuso per sempre
Enorme portale di videogiochi sta per essere chiuso per sempre (foto: Pexels)

E Tencent, il colosso cinese che tutti conosciamo soprattutto per essere publisher di una quantità praticamente infinita di titoli sviluppati per il mobile, sembra essersene accorto nella maniera peggiore possibile. Anche se qualche analista prova a suggerire che parte della decisione sia stata generata dai cambiamenti che in Cina stanno continuando a rendere sempre un po’ più complicata la vita a chi produce intrattenimento digitale.

Tencent chiude il suo portale dedicato ai videogiochi, addio a WeGame

La piattaforma WeGame è ufficialmente nata nel 2017 provando a rinverdire quella che una volta si chiamava più semplicemente Tencent Game Platform ed è sempre stata, nella mente di Tencent, rivale proprio di Steam cercando di offrire non solo videogiochi da scaricare ma anche molti contenuti annessi. In realtà, però, neanche la posizione dominante nel mercato mobile di Tencent è riuscita a trasformare WeGame in qualcosa di più di un posto in cui i giocatori andavano a ritrovare i propri record.

Enorme portale di videogiochi sta per essere chiuso per sempre
Enorme portale di videogiochi sta per essere chiuso per sempre (foto: Youtube)

Per questo motivo, la società cinese ha deciso di eliminare la versione mobile e mantenere attivo solo il sito. Ai motivi più strettamente economici si lega poi la situazione che in Cina sta diventando sempre più complicata per le società che devono produrre contenuti. Come riportato da diverse testate locali, nè Tencent nè NetEase riescono più a lavorare come prima dovendo passare per diversi cerchi di fuoco per riuscire ad avere nuove licenze.

E la chiusura di questo portale per videogiochi si uniscie alla notizia che, sempre in Cina, anche almeno un sito rivale di Twitch, e posseduto sempre da Tencent, farà la stessa fine a settembre esattamente nello stesso momento in cui anche l’app WeGame smetterà di essere disponibile per il download.