Ghostwire Tokyo avrà 6 impostazioni grafiche su PS5

Ghostwire Tokyo si appresta ad essere uno dei giochi PlayStation 5 più innovativi, proprio nella sua versione PS5 infatti i ragazzi di Tango Gameworks hanno deciso di impegnarsi per dare ai giocatori una maggiore libertà nelle scelte grafiche e di performance.

Potrebbe per qualcuno sembrare superfluo modificare le impostazioni grafiche e di performance di un videogioco che finisce su console dove non ci si deve preoccupare che qualche pezzo hardware non riesca a gestire il gioco. Ma c’è comunque da tenere anche in considerazione l’aspetto legato allo schermo che è collegato alla console.

Ghostwire Tokyo avrà 6 impostazioni grafiche su PS5
Ghostwire Tokyo avrà 6 impostazioni grafiche su PS5 (foto: Tango Gameworks)

Solitamente, però , i giochi che siano per PS5 o che siano per una console Xbox, hanno una serie di modalità limitate. È per questo che quello che i ragazzi di Tango Gameworks hanno fatto con Ghostwire Tokyo è decisamente degno di nota. Vediamo quindi tutto quello che potete aspettarvi a partire dal prossimo 25 marzo, quando il gioco farà il suo debutto ufficiale come esclusiva PS5 e PC.

Ghostwire Tokyo, esperienza davvero personalizzata

In totale per il nuovo gioco di Tango Gameworks sono disponibili sei modalità di personalizzazione delle performance e dell’output audio video. Cominciamo col vedere le caratteristiche di ciascuna delle modalità previste. La Quality Mode mantiene il gioco a 30fps con risoluzione in 4K ed è la modalità che gli sviluppatori consigliano a chi vuole una esperienza di gioco di qualità sacrificando un po’ le performance. Con la Quality Mode c’è la possibilità di attivare per esempio il ray-tracing e altre migliorie grafiche.

Ghostwire Tokyo avrà 6 impostazioni grafiche su PS5
Ghostwire Tokyo avrà 6 impostazioni grafiche su PS5 (foto: Tango Gameworks)

Dall’altra parte dello spettro delle possibilità c’è ovviamente la Performance Mode che invece gira a 60fps. Manca il ray-tracing e un po’ di risoluzione Ma si trovano comunque i riflessi spaziali. Scegliendo la modalità High Frame-Rate Quality Mode si toglie il limite del framerate con un minimo di 30fps ma con la promessa di viaggiare tra 40 e 50. Simile ma a 60fps è invece la modalità High Frame-Rate Performance Mode. Queste due modalità hanno poi entrambe una versione V-Sync.

Si tratta però di modalità in cui al momento si riscontrano problemi di screen tearing, di cui comunque il team di sviluppo è già a conoscenza e per cui è stata già promessa una patch appena possibile.