Jeff Kaplan, director di Overwatch, saluta e se ne va dopo 19 anni

Annuncio di abbandono ufficiale sul sito di Overwatch. Il team ha annunciato che Jeff Kaplan, director del gioco, ha deciso di lasciare la sua posizione. Al suo posto ci sarà Aaron Keller altro veterano del team Overwatch.

Jeff Kaplan, director di Overwatch, saluta e se ne va dopo 19 anni
Jeff Kaplan, director di Overwatch, saluta e se ne va dopo 19 anni (foto: Blizzard)

Jeff Kaplan lascia la sua posizione di director per Overwatch e al suo posto arriva Aaron Keller. Entrambi hanno affidato alla Rete una dichiarazione di saluto per tutti i fan del titolo Blizzard. Mistero su cosa vorrà ora fare Kaplan. Ma intanto abbiamo qualche altro frammento di informazione su Overwatch 2, che non guasta mai.

Le reazioni, ma avremo modo di parlarne più approfonditamente, non si sono fatte attendere e il sentimento generale è quello di sgomento e sorpresa anche perchè sembrava che dentro il team Overwatch andasse tutto abbastanza bene.

Parole di saluto e di onore da parte del neo director Keller che comunque ha lavorato fianco a fianco con Kaplan proprio su Overwatch ma non solo, dato che i percorsi dei due nomi si sono incrociati anche all’epoca dello sviluppo di World of Warcraft.

Leggi anche –> DOTA: Dragon’s Blood avrà una seconda stagione su Netflix

Overwatch, saluti ufficiali e benvenuti

Jeff Kaplan, director di Overwatch, saluta e se ne va dopo 19 anni
Jeff Kaplan, director di Overwatch, saluta e se ne va dopo 19 anni (foto: Blizzard)

Il post sul blog ufficiale di Overwatch racconta sia l’arrivo di Aaron Keller sia l’addio di Kaplan, cui la formattazione della pagina dà spazio benchè la comunicazione del nuovo che avanza, se così lo si può definire, è giustificatamente più lunga. Ogni volta che c’è un cambio al vertice la prima cosa da fare è rassicurare i fan e gli investitori che i progetti vanno avanti e che chi se ne va non sta fuggendo da una nave che affonda.

E Keller è già entrato nella parte: “Amo Overwatch. Dai primi disegni di concept art, alle prime mappe costruite, alla prima volta che sono riuscito ad andarmene in giro come Tracer (…). Amo il suo mondo bellissimo, ispirante, pieno di speranza, per cui vale la pena lottare. Amo i personaggi (…). E più di tutto amo il gampelay fluido e veloce che richiede lavoro di squadra, consapevolezza situazione e velocità nel prendere decisioni.”

Se qualcuno non avesse mai visto Overwatch decisamente una buona descrizione. E Keller ha anche trovato il tempo di parlare di Overwatch 2: “lo sviluppo prosegue a passo sostenuto“, cioè tranquilli stiamo lavorando e l’abbandono di Kepler non ci sta fermando.

Kaplan che, nella sua dichiarazione è asciutto e formale, ringrazia tutti e usa tutte le parole giuste per non farci supporre una litigata furibonda, di cui comunque non avremmo prove, quindi dobbiamo rpenderci i suoi saluti per quello che sono: saluti di qualcuno che lascia un team in cui ha lavorato per quasi 20 anni : “è stato davvero l’onore di una vita avere l’occasione di creare mondi ed eroi per una tale audience appassionata“.

Leggi anche –> Su PS5 Resident Evil Village supera le aspettative: il RE Engine è impressionante – VIDEO

Ma forse è la chiosa scelta quella che ci fa venire i lucciconi “non accettate mai il mondo per quell oche smebra essere. osate sempre vederlo per quello che potrebbe essere. spero farete lo stesso” (tutto minuscolo in originale). Vedremo il nome di Kaplan da qualche parte? Lo speriamo.

A fondo pagina vi mettiamo il tweet di Kaplan per lasciargli un saluto o fargli sapere se vi è piaciuto il suo lavoro come director di Overwatch.

LINK UTILI