Su Kickstarter Darwake, il platform che si ispira a Tim Burton

Su Kickstarter a breve si aprirà la raccolta fondi per trasformare in realtà Darwake: Awakening from the Nightmare, un platform gotico dal team di sviluppo italiano LF Games che si ispira alle atmosfere di Tim Burton.

Ci fa sempre piacere riuscire a parlare di team di sviluppo italiani e quindi oggi vogliamo darvi qualche notizia su Darwake. Le informazioni riguardo questo puzzle platform sono ancora piuttosto limitate anche se siamo già rapiti letteralmente dallo stile e dall’atmosfera che emana dal trailer di gameplay pubblicato su YouTube da Luigi Fucci, fondatore e director proprio del team LF Games.

Su Kickstarter Darwake, il platform che si ispira a Tim Burton
Su Kickstarter Darwake, il platform che si ispira a Tim Burton (foto: youtube)

La campagna Kickstarter, che permetterà al gioco di trasformarsi in realtà con la speranza che arrivi sul numero più ampio possibile di piattaforme, si avvierà tra non molto. Vediamo quindi che cosa possiamo aspettarci dal lavoro di Fucci e dei suoi.

Darwake, un lungo incubo tra Tim Burton e David Lynch

La prima impressione, guardando il trailer di gameplay ma anche tutti i contenuti che sono disponibili sulla pagina Facebook del gioco, è veramente che ci troviamo di fronte a un videogioco che è un omaggio alle atmosfere fantasy ma gotiche di Tim Burton. Già a partire dal protagonista: Darwin.

Su Kickstarter Darwake, il platform che si ispira a Tim Burton
Su Kickstarter Darwake, il platform che si ispira a Tim Burton (foto: youtube)

Darwin si trova in uno stato di sonno profondo ed è in realtà intrappolato in un vero e proprio incubo. Unico compagno è il suo Gufo che potrà aiutarlo in alcune occasioni a risolvere i puzzle che si metteranno di traverso tra lui e il risveglio. Parlando del gioco si tratta in buona sostanza di un platform con elementi puzzle game in 2D a scorrimento. Ma questo che sembra un limite serve in realtà a liberare la fantasia soprattutto a livello artistico.

Sotto il video pubblicato su YouTube qualcuno ha notato una somiglianza anche con Little Nightmares ma per valutare se effettivamente siamo di fronte a un titolo simile occorre ovviamente aspettare. La sensazione che abbiamo noi, paradossalmente più che di Little Nightmares, è quella di una influenza di un altro titolo indie con meccaniche molto diverse e molto bello: Machinarium.

In generale Comunque l’accoglienza che il gioco sta avendo su tutti i social è positiva ed entusiasta. Da parte nostra come giornalisti facciamo i migliori auguri ai ragazzi di LF Games perché sappiamo quanto può essere complicato essere sviluppatori di videogiochi in Italia.