Legend of Zelda: Nintendo elimina il live-action con Netflix

Dopo le notizie mandate in giro da Netflix sull’adattamento in live-action di Legend of Zelda, Nintendo ha staccato la spina al progetto. Ma cosa è successo davvero?

Qualche anno fa, era il lontanissimo 2015, il Wall Street Journal aveva pubblicato una notizia secondo cui c’era almeno una IP Nintendo che stava per diventare un prodotto Netflix.

Satoru Iwata, all’epoca CEO di Nintendo, si era affrettato a smentire e a dichiarare di non aver notizie da condividere riguardo l’uso di una IP per un qualsiasi programma TV o film. Le voci uscite da Netflix, però, erano abbastanza circostanziate da far pensare che qualcosa di vero ci fosse.

Leggi anche –> Sonic Prime annunciata ufficialmente da Netflix: la serie animata

Legend of Zelda: niente da fare

Adam Conover Legend of Zelda Nintendo elimina il live-action con Netflix
Adam Conover in una delle sue apparizioni (fonte: Youtube)

Netflix aveva definito questo progetto segreto come un “Games of Thrones per famiglie“.

Recentemente, il comico americano Adam Conover ha rivelato alcuni altri dettagli su quanto accaduto in quel lontano 2015. In un podcast, Conover ha raccontato che, sempre nel 2015, era in trattative proprio con Nintendo per un progetti in claymation con protagonista Star Fox.

” (…)Shigeru Miyamoto venne in ufficio e lo ricordo perchè chiesi al mio capo se potevo restare per vedere Shigeru Miyamoto anche solo camminare in corridoio“, quando si dice essere fan. “Lui mi disse no. Poi un mese dopo uscì la notizia che Netflix non avrebbe fatto Zelda. (…) Seppi poi che neanche io e il mio capo avremmo fatto Star Fox.”

Chiedendo spiegazioni, Conover racconta di essersi sentito rispondere che in Nintendo erano impazziti perché qualcuno di Netflix aveva fatto uscire la notizia e avevano deciso di cancellare tutti i piani per gli adattamenti delle IP in prodotti televisivi o cinematografici.

Leggi anche –> Resident Evil e Netflix, in un post il cast e la data delle riprese

La reazione di Nintendo può sembrare esagerata a qualcuno ma, conoscendo il loro modo di lavorare, è facile intuire come queste notizie fuoriuscite senza controllo abbiano significato una prova di poca affidabilità. Su Netflix sono comunque in arrivo altri prodotti interessanti, uno su tutti la seconda stagione di The Witcher, che di certo non è un Games of Thrones per famiglie.

E per fortuna, aggiungiamo noi.