Microsoft prima di lanciare l’Xbox…ha provato ad acquistare Nintendo!

Microsoft Nintendo
(fonte: YouTube).

Microsoft, prima di entrare nel mondo videoludico realizzando l’Xbox, era intenzionata ad acquistare niente meno che…la Nintendo!

Se ci fermassimo a riflettere, nella frenesia della nostra vita quotidiana, noteremmo come ogni piccola azione della nostra esistenza fa parte di un mosaico immenso, forse infinito. “Cosa sarebbe successo se…” è una domanda che, prima o poi, ci siamo posti tutti, tanto da diventare il tema centrale di un film di successo come Sliding Doors.

Proviamo però questa volta ad interrogarci su “cosa sarebbe successo se…” Microsoft, prima di lanciare sul mercato l’Xbox, fosse entrata nel mondo videoludico…acquistando la Nintendo!

Leggi anche –> Genshin Impact annuncia l’arrivo di Ganyu con un trailer – VIDEO

Microsoft e la volontà di acquistare Nintendo prima del lancio dell’Xbox

Microsoft Nintendo
(fonte: YouTube).

Stando a quanto dichiarato da Kevin Bachus (ex dirigente) a Bloomburg, parlando del 20° anniversario di Xbox, la società ha inizialmente tentato di acquistare Electronic Arts, con l’offerta però respinta gentilmente al mittente.

Meno gentile è stata la risposta Nintendo, che invece al contrario si è fatta letteralmente beffa dell’offerta ricevuta sia per la forza finanziaria, sia per la passione e la fiducia messa nei loro progetti.

“È stato organizzato un incontro con Nintendo per capire le loro reazioni alla nostra offerta, ma si sono letteralmente messi a ridere. Ridevano di gusto, immaginatevi qualcuno che ride per circa un’ora di ciò che gli dici, quell’incontro si è svolto esattamente così” le parole di Bachus.

Leggi anche –> Riot Games festeggia l’inizio della Stagione 2021 per le leghe eSport

Nonostante il rifiuto, la società americana ha cercato ulteriormente di trovare un accordo proponendosi come sviluppatore di hardware, ma anche questo tentativo non è andato come previsto. Le cose sono poi andate come sappiamo, con l’Xbox lanciata qualche giorno prima del GameCube Nintendo.

I rapporti tra le due aziende ora, come sappiamo, sono invece buoni; il passato è il passato, i “se” restano sempre “se”.