Con questo progetto (italiano) D&D prende vita anche in VR

Il fascino della carta e dei dadi di plastica non conosce tramonto ma non tutti i dungeon master hanno le capacità di costruire ambienti convincenti ed è qui che entra in scena Constructo.

Progetto tutto italiano nato da un terzetto di amici con un passato nella programmazione, si tratta di un progetto che promette di trasformare la fantasia delle campagne tabletop in esperienze entusiasmanti anche per chi apprezza i videogiochi e si trova non troppo a suo agio a immaginare passaggi segreti e spadoni a due mani.

Con questo progetto (italiano) D&D prende vita anche in VR
Con questo progetto (italiano) D&D prende vita anche in VR (Playsloop Studios)

Nel mondo dei videogiochi esistono già esperienze simili, si chiamano giochi di ruolo dice qualcuno, ma per quanto i developer siano in gamba e le campagne vaste e i personaggi malleabili un GDR ha una struttura in cui i giocatori devono entrare. Una partita con carta e dadi ha potenzialità infinitamente superiori e i giocatori possono piegare l’universo al proprio volere.

Constructo, giochi di ruolo a un passo dalla realtà

La storia di come è nato questo Dungeon Builder ricorda da vicino altri progetti nati per sopperire a una esigenza limitata e circoscritta che poi si sono rivelati vincenti perchè in grado proprio di sopperire a quella esigenza. Il progetto è ancora nelle fasi iniziali e il team di Playloop Studios da poco avviato una campagna su Kickstarter per raccogliere fondi ma il sostegno ci sembra già consistente.

Con questo progetto (italiano) D&D prende vita anche in VR
Con questo progetto (italiano) D&D prende vita anche in VR (foto: Playloop Studios)

Se tutto andrà come deve la prima beta è prevista a inizio 2023 e segnerà sicuramente un passo importante per Constructo, che bolle in pentola da un anno già e che potrebbe diventare una buona scusa anche per fare il salto e acquistare un visore per la realtà virtuale. A differenza di altri progetti simili, il punto di forza di Constructo mira a essere proprio la versatilità, come raccontano dagli stessi ragazzi di Playloop Studios, dato che potrà essere utilizzato non solo su PC ma anche da tablet, smartphone e con i visori sia per la VR sia per la AR, in locale e online.

E per chi volesse giocare ma non sa nulla di regole? C’è modo di avere personaggi preconfezionati da personalizzare o da acquistare in un marketplace e il team di sviluppo sta lavorando per integrare le regole di D&D 5e, in modo da fornire a tutti un punto di partenza anche se il Dungeon Master è alle prime armi. Noi facciamo sempre il tifo per i progetti intraprendenti di casa nostra e seguiremo da vicino le tappe successive di Constructo.