Russia pensa di legalizzare la pirateria per far giocare i suoi cittadini

Il conflitto tra Russia e Ucraina continua ad assumere sfumature sempre più complesse, e pare che la pirateria possa tornare in auge. 

La guerra tra Russia e Ucraina continua, purtroppo. Le persone che stanno perdendo la vita al centro di un conflitto insensato e terribile aumenta vertiginosamente, mentre la NATO cerca di capire cosa fare per intervenire senza scatenare la Terza Guerra Mondiale. Fino a questo punto si è utilizzato soprattutto il cosiddetto Soft Power, ovvero il potere non strettamente militare, volto a mettere in ginocchio la Russia e spingere Putin ad un repentino cambio di programma.

Russia pensa di legalizzare la pirateria per far giocare i suoi cittadini
Russia pensa di legalizzare la pirateria per far giocare i suoi cittadini

Le sanzioni contro il Paese aumentano di giorno in giorno, e i maggiori marchi hanno giù annunciato di aver abbandonato il territorio. L’industria videoludica non è da meno, con tanti sviluppatori che stanno raccogliendo fondi per aiutare l’Ucraina e altri che hanno annunciato di non voler più avere a che fare con la Russia. Tra questi ci sono player di livello mondiale come Xbox e Playstation. Per questo motivo i vertici del governo stanno pensando come migliorare la quotidianità dei propri cittadini, e una delle soluzioni prevede la libertà totale per la pirateria.

La Russia di Putin potrebbe legalizzare la pirateria

Quella di rendere la pirateria legale in Russia è una delle proposte che sono presenti nel “Piano d’azione prioritario per garantire lo sviluppo dell’economia russa nelle condizioni di pressione delle sanzioni esterne”. Questa opzione prevede la legalizzazione della pirateria volta ad ottenere programmi, software, videogiochi e altro che non è possibile ottenere legalmente in Russia in seguito alle sanzioni estere.

Ucraina proteste
Ucraina proteste

Sarebbe un cambiamento storico nel campo della legge sulla proprietà, che riporterebbe il Paese indietro e di parecchio. E che senza dubbio renderebbe ulteriormente più tesa l’aria che si respira tra le grandi compagnie tecnologiche mondiali e la Russia di Putin. Non resta che aspettare e vedere se, nel caso in cui il conflitto con l’Ucraina continuasse, davvero il Paese legalizzerebbe la pirateria. Se siete fuori dalla Russia, intanto, vi segnaliamo un’ottima offerta che vi permetterà di giocare, senza piratare!