Il creative director di Days Gone parla di un Socom per PS5

Un possibile Socom per PS5 sarebbe un’idea da non sottovalutare. Si esprime il creative director di Days Gone in merito

Days Gone
Days Gone, il creative director parla di Socom per PS5 (screenshot YouTube)

Durante il podcast di David Jaffe è intervenuto l’ex Sony Bend John Garvin, discutendo sui motivi per i quali è stato cancellato Days Gone 2. In tale occasione il creative director che ha creato il mondo post apocalittico di Deacon ha anche espresso la sua opinione nei riguardi di una IP Sony ferma oramai da anni. Si tratta di Socom.

Egli si è espresso a tal proposito, dicendo che il titolo in questione è stato davvero bello ed ha riscosso un successo non indifferente al lancio. Inoltre ha venduto più del suo progetto Syphon Filter, con un rapporto di circa 2:1. Il gioco sicuramente rappresenta ancora oggi qualcosa di grande, senza ombra di dubbio. Quando Seth Luisi ha mostrato il supporto per i comandi vocali, continua, Garvin ha pensato ad un’idea geniale per un gioco del tipo story driven.

Leggi anche -> Pickle Rick in Rainbow Six Siege? Ubisoft dice sì: ecco la skin

Socom per PS5 secondo il parere del creative director di Days Gone

Days Gone
Days Gone, il creative director parla di Socom per PS5 (screenshot YouTube)

Nel 2002 è stato lanciato il primo Socom su PS2. È stato il primo titolo che ha utilizzato il Network Adapter per il gioco online. Sono poi stati generati dieci diversi titoli, tra cui l’ultimo è stato lanciato nel 2011 su Ps4. Si parla di Socom Forze Speciali. Per il futuro, il creatore della saga Seth Luisi ha escluso una possibile produzione di un nuovo gioco a riguardo. Tuttavia non è lui ad essere il titolare dei diritti in merito, dunque è Sony a dover prendere qualsiasi decisione in merito eventualmente.

Leggi anche -> La Terra è stata popolata da 2.4 miliardi di T-Rex: la ricerca

Garvin conclude dicendo che potrebbe tranquillamente competere con Call of Duty. Questo perché propone qualcosa di veramente diverso e rivoluzionario rispetto a COD. L’idea di uno shooter basato sull’esperienza individuale, magari il tutto narrato in una storia di un soldato con moglie e figli spedito a combattere in Afghanistan. Questa l’idea di Garvin, ovviamente. Certamente c’è un potenziale narrativo enorme che potrebbe rendere la serie Socom molto più interessante di quello che già è. In calce all’articolo alcune recenti parole in merito al titolo Socom.

LINK UTILI

Ps5 con lettore
Ps5 con lettore (screenshot YouTube)