Studio di videogiochi comprato, operazione da 1.4 miliardi di dollari

Studio di sviluppo acquistato, con un’operazione assolutamente storica cambia ancora una volta l’industria videoludica. 

Operazione
Studio di videogiochi acquistato: è ufficiale (Pixabay)

Sono sempre di più gli affari e le trattative che avvengono all’interno dell’industria videoludica, con importanti studi di sviluppo che collaborano e che vengono acquisiti da importanti aziende e da enormi marchi di tutto il mondo. Pensiamo a quanto fatto Xbox con l’enorme gruppo ZeniMax, che nel ottbore dell’anno scorso è stato acquistato per circa 7.5 miliardi di dollari.

Una cifra enorme, che ha ovviamente cambiato gli equilibri dell’industria videoludica, con tantissimi studio che ora produrranno giochi first party in esclusiva per Xbox. Ed ecco che Starfield e tanti altri titoli di IP famosissime ed apprezzate in tutto il mondo diventeranno elementi del grosso Game Pass di Xbox, che continua ad essere il miglior abbonamento videoludico attualmente disponibile sul mercato per quanto concerne il prezzo e l’offerta in termini di videogiochi e prodotti da tenere in considerazione.

E ora un altro enorme acquisto è stato ufficialmente annunciato, con un’operazione da ben 1.5 miliardi di dollari che hanno spinto uno studio di sviluppo a firmare con una delle aziende più importanti del mondo dei videogiochi: EA.

EA compra uno studio di videogiochi da WB

EA sta cercando di variare il proprio portafoglio di videogiochi. Infatti, malgrado FIFA e il suo FUT continui ad essere un pilastro per permettere all’azienda di avere un gettito fiscale enorme. E parte di quella somma è stata utilizzata per una nuova ed importante operazione.

EA ha quindi deciso di contattare Warner Bros, che sta facendo delle ristrutturazioni interne per riorganizzare tutti gli studi, per fare un po’ di shopping. E sono riusciti a portare a casa Playdemic, un’azienda che sviluppa giochi per mobile che hanno oltre 80 milioni di download in tutto il mondo.

Leggi anche –> Videogiocare aumenta una particolare capacità del cervello: lo studio

Leggi anche –> Playstation, nuova strategia per combattere Xbox e il Game Pass

Un’operazione molto importante, che certamente conferma la voglia da parte di EA di ingrandirsi e di provare a conquistare anche il mercato mobile. Un acquisto che potrebbe cambiare le regole dell’azienda videoludica per quanto concerne il mondo del mobile gaming.