Ubisoft e i prezzi dei prossimi videogiochi, li alzerà o no?

Ubisoft ancora incerta circa il prezzo dei prossimi videogiochi e la migliore strategia da adottare per la vendita; i dettagli emersi.

L’arrivo delle console di nuova generazione, Playstation 5 e Xbox Series X/S, ha portato anche un nuovo dibattito circa il prezzo dei videogiochi. L’aumento dei costi e della qualità dell’esperienza videoludica, secondo molti editori, deve coincidere con un aumento di prezzi.

Questo ha portato all’aumento dei prezzi (come visto per alcuni titoli Sony come Spider-Man Miles Morales, Sackboy: A Big Adventure e Demon’s Souls) fino a 70 euro, un esborso sicuramente importante specie per i giocatori più giovani.

Anche Activision ha seguito l’esempio per le sue uscite del 2020 mentre, chi sta ancora riflettendo sulla situazione, è Ubisoft.

Leggi anche –> Pokémon annulla i Campionati Mondiali anche per questo 2021

Ubisoft e il prezzo dei prossimi videogiochi: sono da alzare o no?

ubisoft prezzo giochi
Un’immagine per Assassin’s Creed Valhalla (fonte: YouTube).

Durante una recente riunione Ubisoft (come riportato da VGC), il CFO Frederick Duguet ha affrontato la questione e sembra che ci sia una discussione in atto sul passaggio del prezzo da 60 a 70 euro.

Il team non ha ancora però deciso nulla, con Duguet che ha rivelato come siano stati analizzati i dati economici dell’ultimo trimestre e si stia ancora alla ricerca di idee per nuove opportunità.

Per Assassin’s Creed Valhalla, Watch Dogs: Legion e Immortals: Fenyx Rising, Ubisoft aveva deciso di imporre un prezzo fisso al di là della console d’arrivo; il dibattito è ancora aperto, con molti che sostengono come l’aumento del prezzo sia propedeutico per coprire i costi di sviluppo.

Leggi anche –> Assetto Corsa raggiunge quota 100 milioni di euro in vendite: numeri record

Come antitesi però, altri  sostengono che potrebbe essere controproducente, perché potrebbe spingere il videogiocatore ad aspettare a comprare il titolo, visto che molti giochi, al momento del lancio, risultano esssere ancora incompleti. Gli editori rifletteranno sicuramente ancora sulla questione, con la speranza che possano trovare una soluzione che non porti svantaggi al “povero” videogiocatore.

Link utili

ps5
(fonte: YouTube).