Valve, Capcom e tante altre multate dalla Commissione Europea

Valve, Capcom e tante altre softwarehouse multate dalla Commissione Europea per nona ver rispettato dei regolamenti.

Il mercato del videogioco è incredibilmente grande e complicato, con tantissime sfaccettature e varie informazioni e regolamentazioni da tenere in seria considerazione. Come ogni altro prodotto, infatti, anche il videogioco è un bene sottoposto a leggi e regolamenti nazionali e internazionali, che devono essere rispettati per una lunghissima serie di motivi. Innanzitutto per essere distribuito come bene legale, e quindi c’è la necessità di rispettare una serie di pesanti regolamenti con tanti dettagli e diversi tipi di definizioni e caselle da riempire. Per questo motivo, come ogni altro bene o servizio, quando ci sono delle pratiche scorrette allora si paga.

LEGGI ANCHE —> Terrificante cosplay di Resident Evil Village – FOTO

Valve, Capcom e tante altre multate dalla Commissione Europea

Pochi giorni fa la Commissione Europea ha chiuso un caso contro diverse softwerehouse e publisher. In particolare gli accusati non hanno rispettato perfettamente il regolamento dell’EU Digital Single Market, creando delle discrepanze tra la diffusione dei propri prodotti su livello nazionale. Ora sono arrivate anche le cifre, riporta IGN, con le multe che le società sono ora costrette a pagare. Quasi tutte hanno collaborato con la Commissione Europea, ricevendo anche uno sconto (che riporteremo in %). Tranne Valve, che non ha voluto collaborare per rivelare le difformità e ha pagato la multa interamente.

Focus Home: 10% di sconto – 2.888.000 euro
ZeniMax: 10% di sconto – 1.664.000 euro
Valve: 0% di sconto – 1.624.000 euro
Koch Media: 10% – 977.000 euro
Capcom: 15% – 396.000 euro
Bandai Namco: 10% – 340.000 euro

PS5
PS5 (screenshot)