Windows 11 potrebbe cambiare per sempre il gaming

Windows 11 ha deciso di correre finalmente ai ripari. Potrebbe cambiare una delle piaghe più grandi di sempre per i videogiochi 

windows 11
windows 11 e la battaglia ai cheater (fonte microsoft.com)

Il team di sviluppatori per Windows 11 vede al suo interno grandi personalità, tra cui colui che ha realizzato League of Legends e Valorant, ossia Riot Games. Di sicuro abbiamo notato la presenza di uno dei problemi più lamentati dagli utenti in numerosi giochi, soprattutto all’interno degli FPS. Una piaga che ha afflitto anche la versione beta di Call of Duty Vanguard mentre, secondo Tom Henderson, sembra essere intenzionata anche a intaccare Battlefield 2042. Ma di cosa si tratta di così tanto grave?

Da poco abbiamo assistito alla presentazione di Windows 11, iniziata con una premessa degna di nota. Una qualcosa in cui si descrive come il sistema operativo di Microsoft capace di proteggere nel modo migliore tutti i dati. Si tratta di un elemento molto importante per i giocatori di tutto il mondo, in quanto l’intento degli sviluppatori è quello di renderlo a prova di una vera epidemia che devasta il mondo dei giochi online.

Windows 11 e la lotta ai cheater

windows 11
windows 11 e la battaglia ai cheater (fonte twitter)

In genere i cheater sfruttano due software chiamati Aimbot e Wallhack. Sia il primo che il secondo sono in grado d’interagire con tutti i dati di gioco, aiutando molto i giocatori nel corso della partita. Il primo dà la possibilità di prendere la mira in modo automatico e riuscire in un colpo alla testa praticamente sempre in modo infallibile.

Leggi anche -> Coppia di anziani cerca tutor: “Per insegnarci a giocare TLOU 2”

Leggi anche -> Altro che PS5, gli scalper fanno incetta di biscotti Pokémon

Il secondo invece permette di trovare tutti gli avversari che sono dall’altra parte dei muri, riuscendo a sorprenderli e così a sconfiggerli. All’interno dei giochi già noti e di largo uso comunque è impossibile non citare Call of Duty Warzone, titolo che ogni mese vede l’allontanamento di numerosi account proprio per pratiche ed utilizzi non conformi alle regole. Questa è una battaglia contro i cheater che Activision sta portando avanti senza pietà.