Altro che PS5, gli scalper fanno incetta di biscotti Pokémon

A quanto pare sembra che, almeno per il momento, la PS5 esce dal mirino degli Scalper. Il nuovo mercato sono i biscotti Pokémon

scalper ps5
Gli scalper dopo ps5 vendono i biscotti Pokémon (fonte thegamer.com)

Anche se molte sono le difficoltà per numerosi giocatori di recuperare una console next-gen Sony, le cose sembra che si stanno piano piano risolvendo. Sopratutto dal lato dei rivenditori abusivi, che hanno visto una riduzione del 30% dei guadagni. Vittima di questi è stata anche Steam Deck. Stiamo parlando dell’opera di Valve che, nonostante tutte le strategie studiate dall’azienda statunitense, è stata oggetto di bagarinaggio essa stessa. Ma ora gli scalper hanno altri obiettivi al posto di PS5.

Numerosi sono i problemi che devono affrontare i videogiocatori, a partire dalle scorte sempre esaurite di PlayStation 5 e Xbox Series X, fino alla presenza dei bagarini. Il loro scopo è quello di guadagnare in qualsiasi momento cifre ben maggiori dal resto presente sul mercato. Ma qualche cosa è cambiato, nelle ultime ore i protagonisti di questa assurda situazione sono i Pokémon.

I biscotti Pokémon: gli scalper dopo PS5

scalper ps5
Gli scalper dopo ps5 vendono i biscotti Pokémon (fonte thegamer.com)

La speranza è che nessuno casca nella trappola e li acquisti solo per avere tra le mani un qualcosa di introvabile. Anche se stiamo parlando di una Limited Edition, le confezioni in circolo non sono comunque poche. L’importante è non farsi abbindolare da questi rivenditori abusivi che non fanno altro che ottenere il più possibile approfittando degli utenti di internet. Insieme ai biscotti Oreo, anche i Pokémon nell’ultimo periodo sono stati commercializzati come uno dei personaggi conosciuti da tutti.

Leggi anche -> The Last of Us serie TV, immagine ufficiale di Joel ed Ellie – FOTO

Leggi anche -> Collezionista di Pokémon, una carta per finire: il costo è folle

Si tratta dei classici biscotti a cioccolato con farcitura di vaniglia che hanno, però, le sembianze di Mew. Di sicuro i bagarini non ci hanno pensato due volte prima di acquistare stock interi dei biscotti in questione. Questi sono poi stati messi in vendita sulla piattaforma di eBay a prezzi per nulla ragionevoli. Sono venduti ad un prezzo massimo di 9.000 dollari ossia 7.670€, fino ad arrivare ad un importo che si aggira tra i 900 ed i 1.000 dollari.

Impostazioni privacy