Xbox Game Pass Ultimate, annunciato da Microsoft l’arrivo su iOS e PC

L’Xbox Game Pass Ultimate è pronto a sbarcare anche su iOS, come rivelato da Microsoft. Tutti i dettagli dell’annuncio.

Mese intenso questo di dicembre per Microsoft, con l’azienda che continua ad espandere e sviluppare i suoi ambiziosi progetti per l’Xbox Game Pass, definito il  “Netflix dei videogiochi” da molti per la continua aggiunta di titoli.

Dopo aver annunciato i nuovi giochi in arrivo ed aver annunciato novità per queste festività (con molta probabilità svelate durante i Game Awards), Microsoft ha ora rivelato sul sito ufficiale come il Pass Ultimate sarà disponibile per ancora più persone e più dispositivi.

Leggi anche –> Cinque giochi da NON regalare a Natale ad un bambino: la lista

Xbox Game Pass Ultimate su iOS e PC Windows

Xbox Game Pass Ultimate
Un’immagine promozionale per l’Xbox Game Pass Ultimate (via Microsoft)

Già disponibile per l’uso su dispositivi Xbox Series X/S, PC, Xbox One e Android, il Pass Ultimate sarà accessibile anche per i dispositivi iPhone e iPad di Apple ( entrambi con il software iOS di Apple) e su PC Windows a partire dalla prossima primavera, dunque nel 2021.

I giocatori saranno quindi in grado di riprodurre in streaming i giochi direttamente sui propri dispositivi grazie al cloud. Gli utenti PC potranno accedere al servizio di abbonamento tramite l’app Xbox o dal browser, mentre gli utenti iOS potranno farlo solo dal browser del proprio dispositivo.

Come spiegato da Microsoft, in questo modo l’esperienza sarà perfetta  per vecchi che nuovi giocatori Xbox, “sia che si tratti di giocare a Minecraft Dungeons con gli amici utilizzando il touch su un iPhone, o di passare a Destiny 2: Beyond Light nella pausa di una riunione”, arrivando inoltre a comprendere così oltre un miliardo di dispositivi.

Leggi anche –> Prince of Persia: Le Sabbie del Tempo Remake rinviato…per colpa dei fan

Qualsiasi sia la schermata scelta, Microsoft ha cercato di rendere la libreria facilmente accessibile in ogni caso; il servizio sarà disponibile, tra l’altro anche in nuovi paesi, tra cui Australia, Giappone, Brasile e Messico.