Diablo II Resurrected non supporterà il crossplay, le parole del producer

Dopo l’annuncio al recente BlizzCon 2021, continuano ad arrivare dettagli per Diablo II Resurrected, che non supporterà il crossplay.

diablo II resurrected crossplay
Un’immagine dal trailer d’annuncio (fonte: YouTube).

Lo scorso BlizzCon 2021, oltre a svelare ai fan un trailer per Diablo IV interamente dedicato alla classe Tagliagole, ha anche portato l’annuncio della versione rimasterizzata per Diablo II, titolo amatissimo da tutti i videogioatori; lanciato nel 2000 dopo il successo del suo predecessore, ha ispirato tantissimi altri videogiochi e consacrato la saga come una delle migliori e storiche d’azione RPG.

Come già sappiamo, Resurrected includerà anche l’espansione successiva aggiunta dopo il lancio, Lords of Destruction, anche se purtroppo, stando a recenti dichiarazioni del producer Matthew Cederquist, il gioco non supporterà il crossplay.

Leggi anche –> PUBG tira un sospiro di sollievo, grazie all’update 1.63

Diablo II Resurrected non supporterà il crossplay: le parole del producer

diablo II resurrected crossplay
Un’immagine dal videogioco (fonte: YouTube).

In una tavola rotonda con IGN (via Gamerant), al quale hanno presenziato sia Matthew Cederquist che il designer Andre Abrahamian, il producer ha confermato come questa nuova edizione del videogioco non supporterà il crossplay, sebbene questa modalità offre in generale ai giocatori la miglior esperienza, a detta di Cederquist, a prescindere dalla piattaforma su cui si gioca. “Abbiamo semplicemente pensato che non fosse una soluzione giusta per il videogioco” spiega il producer, parlando nel caso specifico di DII Resurrected.

Nonostante questo, Abrahamian ha aggiunto come il team di sviluppo non abbia ora al momento niente da annunciare a riguardo, il che lascia comunque le porte aperte per l’arrivo della funzionalità in un prossimo futuro, qualora venisse riconsiderata.

Leggi anche –> The Witcher 2 dovrebbe introdurre un atteso personaggio

In precedenza, il designer Rob Gallerani di Vicarious Visions ha invece spiegato come questa nuova versione di Diablo II darà molto spazio al modding, ma che ovviamente verranno prese delle precauzioni; tutto questo, ovviamente, sempre con l’intenzione generale di riportare in vita lo spirito originale dello storico titolo.

LINK UTILI