DriveClub, nessun miglioramento nextgen previsto su PS5

Purtroppo per DriveClub, di Evolution Studios, non sono previsti miglioramenti per la PS5. Lo conferma lo stesso Paul Rustchynsky

Molti appassionati sognano di vedere la nuova generazione approdare anche su DriveClub. Ma, come confermato dallo stesso game director Paul Rustchynsky, non sono previsti aggiornamenti in tal senso. Infatti come il titolo, rimosso ad agosto dell’anno scorso, anche i relativi server hanno subito la chiusura a fine marzo di quest’anno.

Il motivo del ritiro del gioco dal PS Store riguarda il costo troppo elevato delle licenze e dei permessi, mentre i server esclusivamente per ragioni commerciali. Il game director comunque va ancora fiero della potenza del titolo che gira a 30fps per 1080p di risoluzione, al tempo numeri importanti. Inoltre è stata smentita qualsiasi teoria di un possibile remaster o sequel del gioco a causa del franchise di punta di Sony, Gran Turismo.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Demon’s Souls, segnalato un cheat che funziona con la dashboard di PS5

DriveClub, non è previsto nessun aggiornamento nextgen

DriveClub
DriveClub nessun miglioramento nextgen (screenshot YouTube)

Rustchynsky ha rilasciato una dichiarazione dove conferma che non è possibile aspettarsi un aggiornamento od un nuovo capitolo del titolo. Purtroppo, le licenze per poterne ripresentare una versione nextgen sono un costo troppo rilevante ed esoso anche solo per prenderlo in considerazione.

Alcuni riferimenti sono stati espressi anche per MotorStorm, altro titolo racing di grande impatto ludico. Una possibilità di poterlo rivedere non è del tutto da esclude, in quanto Sony ha l’IP del gioco. Non si tratta di una condizione altamente probabile ma, tuttavia, non è la prima volta che si assiste ad un ritorno in grande stile di alcuni titoli. Non sarebbe poi neanche così negativo assistere ad un tale rientro.

Il personale di Evolution Studios ha trovato impiego presso Codemaster, dopo la chiusura dello studio creatore del titolo. La collaborazione ha dato vita ad un gioco, OnRush, che non ha portato i risultati sperati portando al progressivo licenziamento dello staff assunto per tale scopo.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Call of Duty Cold War a 120 FPS solo su Xbox Series X: la Playstation 5 soffre