EA cancella Gaia dopo sei anni di sviluppo

EA ha deciso di staccare la spina al progetto Gaia, che si trascinava nel limbo dello sviluppo da sei anni.

EA cancella Gaia dopo sei anni di sviluppo
EA cancella Gaia dopo sei anni di sviluppo (foto: youtube)

Per i passati sei anni lo studio di Electronic Arts Motive ha lavorato su un titolo, nome in codice Gaia. Ma dopo uno sviluppo che voci interne hanno definito “travagliato” il titolo è stato cancellato. Motive si sposterà su altro.

Leggi anche –> Devsisters pronti a stupire con due titoli nuovi mobile e per PC

EA: prima Anthem, ora Gaia

EA cancella Gaia dopo sei anni di sviluppo
EA cancella Gaia dopo sei anni di sviluppo (foto: youtube)

Vi avevamo dato la notizia qualche giorno fa che EA aveva ufficialmente cancellato lo sviluppo di Anthem portato avanti da Bioware. Ora arriva la notizia che un titolo, dal titolo provvisorio di Gaia, è stato bloccato dopo sei anni di lavoro da parte del team di Motive.

Stando a Bloomberg, la IP è stata cancellata a seguito di un “riassetto delle risorse”, leggi uno spostamento di persone da una divisione a un’altra, che sarebbe a sua volta frutto di una revisione effettuata dalla stessa EA sui giochi attualmente in sviluppo.

Il gioco chiamato Gaia era stato affidato a Motive, team fondato nel 2015 e diretto da Jade Raymonds che quando era arrivata a Motive aveva solleticato tutti i giocatori: “Motive sarà un team guidato dalla creatività, che produrrà IP tutte nuove e si occuperà di alcuni progetti entusiasmanti. Il primo sarà davvero entusiasmante: lavoreremo al gioco Star Wars di Amy Hennig“. Gioco di Star Wars che non è mai arrivato perchè cancellato nel 2019.

Per Gaia quello che è successo, secondo sempre le voci interne riportate i problemi di sviluppo sarebbero iniziati quando, nel 2017, Motive fu fusa con Bioware Montreal che portò a “divergenze culturali” e all’abbandono di alcuni lead game director, tra cui proprio Raymond che abbandonò nel 2018, momento in cui si dice ci sia stato il reboot proprio di Gaia.

Ma su questo Progetto Gaia EA contava molto se Patrick Söderlund, vice presidente di EA quando Motive aprì, dichiarò che EA voleva ampliare il proprio portfolio con altri titoli grossi e aveva fatto capire che proprio il titolo su cui lavorava Motive sarebbe potuto essere il prossimo tra i “giganteschi giochi action” che EA cercava.

Leggi anche –> Red Solstice 2 Survivors arriva su Steam PC grazie a 505 Games – VIDEO

Da questa parte dello schermo tutto quello che siamo riusciti a vedere fu un teaser trailer all’interno di un teaser più lungo durante lo EA Play 2020 di giugno dell’anno scorso, con qualcosa che di primo acchitto ricordava Mirror’s Edge per il parkour e Minecraft per i cubi.

Forse più in là, il materiale abbandonato di Gaia servirà a qualche altro prodotto, come fu per lo stadio embrionale di Star Fox per SEGA. Del resto nel mondo digitale come in quello reale, niente va sprecato.

Per commemorare il povero gioco ignoto, a fondo pagina vi abbiamo messo proprio quel teaser.

LINK UTILI