Emily Ratajkowski e i suoi NFT: cosa sta succedendo?

La modella e scrittrice Emily Ratajkowski decide di riappropriarsi della propria immagine creando un NFT. Il motivo? Un fotografo avrebbe rubato una sua immagine per utilizzarla senza il suo consenso.

emily ratajkowski
Fonte: “Instagram”

Una delle personalità femminili più forti sulle piattaforme social ha in programma di mettere all’asta una sua fotografia scattata davanti ad una sua immagine. Il perché? Stando a quando lei stessa dichiara, il motivo sarebbe riappropriarsi della sua immagine e, di fatto, ribadire la proprietà di ciò che pubblica e che le permette di guadagnare denaro come forma di lavoro. Per poter ricavare denaro, l’immagine entra nel circuito sempre più nutrito delle NFT.

Leggi anche –> NieR Replicant sarà un fallimento secondo l’autore Yoko Taro

Emily Ratajkowski e la foto con se stessa

emily ratajkowski
La modella e scrittrice Emily Ratajkowski reclama possesso di una foto a lei “rubata”. Nasce il suo primo NFT. Fonte: “Twitter”

La sua è una riappropriazione su tutti i piani, che si parli di possesso legale che possesso su un livello proprio di immagine pura. Infatti, un artista, Richard Prince, avrebbe stampato su una tela una delle foto della Ratajkowski senza il suo consenso, esponendola nella galleria Gagosian Gallery sulla Madison Avenue. L’immagine, inoltre, possedeva un esorbitante prezzo di 90,000 dollari e nonostante lei stessa fosse intenzionata a comprare la sua stessa immagine per poterne reclamare il possesso, questa risultava già acquistata da uno dei galleristi della Gagosian stessa.

Leggi anche –> Samurai Warriors 5 svela tutti i suoi personaggi giocabili – VIDEO

Non potendo fare altro, quindi, la riappropriazione da parte della donna è stata effettuata in questo modo: facendosi fotografare davanti proprio alla foto incriminata, tratterà l’immagine come un NFT (non fungible token) in modo tale da sentirsi risarcita del danno economico e morale da lei subito per l’operazione effettuata da Prince.

Di fatto, i metadata contenuti nella NFT la rendono come se fosse un pezzo unico, una “seconda opera d’arte” vera e propria vendibile come se fosse reale, anche se proprio grazie a questo genere di criptovaluta, distinguere reale e virtuale in questo ambito, a tratti, ha poco senso.

I diritti d’autore che riguardano entrambe le immagini sono un continuo sovrapporsi di violazioni e strati che confondono ancora di più la matassa, soprattutto perché l’operazione compiuta da Prince, il suo modus operandi da artista, viene spesso condannato e addirittura oggetto di sospetto, in quanto si tratta di una pratica borderline che applica cambiamenti minimi su lavori altrui, come appunto nel caso della foto della Ratajkowski che, a sua volta, utilizza il suo lavoro per poter rivenderlo sotto forma di immagine dentro l’immagine nel suo link NFT.

LINK UTILI