Enea Bastianini, dalla Playstation a campione del mondo di Moto2

Enea Bastianini (Fonte: motograndprix.motorionline.com)

Enea Bastianini è il nuovo campione di Moto 2. Il trionfo è giunto quest’oggi, dopo il quinto posto ottenuto al Portimao, il Gp del Portogallo. Solo undici punti conquistati, ma quanto basta al “Bestia” di portarsi a casa il primo trionfo della sua carriera. “Il Covid ha reso tutto difficile – le parole a caldo subito dopo la vittoria, ai microfoni di Sky Sport – ma oggi sono campione del mondo ed è la giornata più bella della mia vita”. A soli 23 anni, nato a Rimini in una terra come la Romagna che ha sfornato campionissimi nel corso degli anni, Enea Bastianini ottiene la giusta consacrazione, ed ora si lancia verso la MotoGp. L’anno, prossimo, infatti, correrà su una Ducati dopo aver annunciato negli scorsi mesi di aver sottoscritto un contratto con il team Avintia Racing: “Ho firmato con Ducati per il prossimo anno – aveva dichiarato a Sky Sport MotoGP – lo scorso mese di settembre – un completamento del mio percorso di crescita e un’occasione unica, che pochi hanno. Il divertimento è sempre lo stesso, ma questo è un altro step e sono felice di questa opportunità che vedrò di sfruttare al meglio. Ringrazio tante persone: la mia famiglia, i meccanici ed il mio manager Carlo Pernat per avermi aiutato”.

Enea Bastianini (Fonte: Tuttomotoriweb)

ENEA BASTIANINI E LA PLAYSTATION: “MI STO ALLENANDO CON LA PS4…”

Enea Bastianini ha iniziato a correre, come spesso accade ai piloti delle due ruote, nelle Minimoto, vincendo il titolo europeo della MiniGp70 nel 2011. Quindi lo sbarco nel campionato monomarca delle Honda NSF250R, con il titolo nazionale nel 2012, e poi la Red Bull MotoGP Rookies Cup nel 2013. L’anno successivo l’approdo in Moto 3 con lo Junior Team GO&FUN di Fausto Gresini. E proprio in quell’occasione Enea Bastianini aveva dichiarato di essere un grande amante della Playstation. In vista del Gp del Giappone aveva infatti dichiarato: “In Giappone inizia un periodo molto intenso, con tre gare consecutive su circuiti che non ho mai affrontato: in questi giorni, a casa, mi sono allenato molto alla PlayStation per imparare la pista di Motegi, così almeno saprò grosso modo da che parte girano le curve…”. Evidentemente la Playstation, ma anche e soprattutto il suo talento, la sua grinta e la sua determinazione, gli hanno permesso di laurearsi campione di Moto 3 6 anni dopo.

LEGGI ANCHE Playstation 5, Ibrahimovic la regala a tutti i compagni del Milan – FOTO