Final Fantasy 14, problemi ai server: la soluzione è drastica

Final Fantasy 14 si è riempito talmente tanto di giocatori che i server sono congestionati. Motivo per cui, mentre Square Enix cerca freneticamente una soluzione a lungo termine, per ora verrà implementata una funzione di logout automatico.

Final Fantasy 14 ha una funzione per buttarvi fuori dai server
Final Fantasy 14 ha una funzione per buttarvi fuori dai server (foto: Square Enix)

Il logout automatico sarà inserito con la patch 5.58 come spiegato bene da Naoki Yoshida producer e director del gioco Square Enix. La situazione dei server di Final Fantasy 14 è stata esaminata da Yoshida con un post pubblicato sul sito ufficiale del gioco.

Accanto all’inevitabile orgoglio per il numero altissimo di giocatori che si sono riversati su Final Fantasy, Yoshida ha anche parlato dei futuri piani riguardo la gestione di questo flusso di giocatori che, se continuasse così, porterebbe alla necessità di avere nuovi data center e nuovi server.

Final Fantasy 14 : la patch momentanea

Final Fantasy 14 ha una funzione per buttarvi fuori dai server
Final Fantasy 14 ha una funzione per buttarvi fuori dai server (foto: Square Enix)

Sul sito ufficiale del videogioco Square Enix, Yoshida affronta subito la questione del numero immenso di giocatori in particolare nelle regioni del Nord America e in Europa. E se il developer è decisamente soddisfatto del successo del suo videogioco, questi numeri altissimi rischiano di far infuriare rapidamente proprio i giocatori. Perché, come spiegato nel post firmato da Yoshida, “molti giocatori ora hanno difficoltà a fare login o a creare nuovi personaggi a causa della congestione dei server“.

Scusandosi della situazione, Yoshida spiega anche che verranno modificate alcune caratteristiche dei server aumentando, dove possibile , la capacità del numero massimo di giocatori che il server può accogliere. E su questo aspetto fa notare come i matching server del Nord America siano già passati a modelli dalle prestazioni superiori. Cosa che non vale invece per i data center europei che aspettano ancora gli aggiornamenti.

Il producer di Square Enix ha anche spiegato che i giocatori devono rimanere in coda se sperimentano attese per fare login: queste attese servono per mantenere stabili i server. C’è poi un paragrafo dedicato al logout automatico che verrà implementato con la patch 5.58. Questa funzione, che Yoshida spiega sarebbe dovuta arrivare soltanto con il lancio dell’espansione Endwalker, servirà a far uscire dai server i giocatori se non verrà inviato input da un personaggio per un periodo prolungato di tempo.

Il producer e director di Final Fantasy 14 ammette chiaramente che si tratta di una misura non molto popolare: “Comprendiamo che questa funzione non sarà la più popolare tra i nostri giocatori ma vogliamo assicurarvi che è un mezzo efficace per combattere temporaneamente la congestione. Ci scusiamo per qualunque inconveniente possa derivare dall’implementazione“. Quello che manca nelle indicazioni di Yoshida è quanto tempo debba passare prima che un personaggio venga costretto a fare logout automaticamente.

Il lungo post di Yoshida si conclude con quelli che dovrebbero essere i piani per il futuro che però, come spiegato dal producer, hanno avuto una battuta d’arresto a causa del covid che ha ridotto la possibilità di viaggiare per i team che si occupano della creazione delle infrastrutture e ha portato a una carenza di componenti per la creazione dei server.

Leggi anche —> TRIGGERED – Mi aspetto un FIFA 22 spettacolare per giustificare EA

Leggi anche —> Videogioco di Cristiano Ronaldo supera Fortnite – VIDEO

Yoshida si prende la responsabilità di essere stato non in grado di prevedere il flusso attuale di nuovi giocatori e ringrazia tutti per la pazienza. C’è nelle sue parole sicuramente un po’ di quel rispetto e quella cerimoniosità che contraddistingue il popolo giapponese ma è innegabile che il sottotesto sia un ringraziamento per i numeri che Final Fantasy 14 sta realizzando. Uno su tutti: gli oltre 47000 nuovi giocatori su Steam registrati a inizio luglio.